Caltanissetta, Aiello (LEGA): “Per il M5S la priorità è aumentare le spese”

Caltanissetta, Aiello (LEGA): “Per il M5S la priorità è aumentare le spese”

“Prima l’aumento degli Assessori ad 8, poi l’incarico quale componente dell’Ufficio Staff del Sindaco, adesso l’aumento dei compensi dei Revisori dei conti: queste sono le priorità del M5S, che sullo sperpero di denaro predica bene e razzola male” –  così il Consigliere Comunale della Lega, Oscar Aiello, contesta la proposta di deliberazione del Consiglio Comunale n.45 del 06/08/2020, che su iniziativa del Gruppo Consiliare del M5S prevede un aumento del compenso dei Revisori a 18.000€ per il Presidente e a 12.000€ per i componenti.

“La proposta del M5S va ritirata perchè è inopportuna, imbarazzante, istituzionalmente scorretta e anacronistica – dichiara Oscar Aiello, che spiega: “Inopportuna perché se soldi in questo momento il Comune deve uscire, questi dovrebbero essere spesi a sostegno delle fasce più deboli, delle famiglie e delle imprese in difficoltà. Imbarazzante perché, così come dichiarato dalla Presidente della IV Commissione durante la seduta del 31 Agosto, l’aumento è stato chiesto direttamente a lei dai Revisori, i quali avevano accettato l’incarico alle attuali condizioni ed ora chiedono al M5S modifiche unilaterali a loro vantaggio. La proposta di aumento è poi due volte istituzionalmente scorretta – aggiunge il Consigliere della Lega. E’ scorretta nei confronti di quei Professionisti che non avevano partecipato al sorteggio proprio perché non disposti ad accettare quelle condizioni economiche, e poi è scorretta nei confronti dell’Opposizione, che non è stata minimamente coinvolta in vicende inerenti le sorti economiche del Comune. Infine la proposta di aumento è anacronistica – ribadisce Oscar Aiello – perché il mandato dei Revisori è in scadenza, per due terzi è già stato svolto, pertanto se di aumento il Consiglio vuole discutere questo dovrebbe riguardare il nuovo Collegio dei Revisori, in quel caso la Lega sarà disponibile al dialogo perché è giusto remunerare adeguatamente i Professionisti. Regole e condizioni contrattuali si stabiliscono però prima – conclude Oscar Aiello– e non in corso d’opera, a richiesta e vantaggio di una delle parti, che se non gradisce più il compenso pattuito può lasciare spazio ad altri, non mancano infatti i Professionisti disposti a subentrare alle attuali condizioni”.