Un denunciato per porto di armi od oggetti atti ad offendere

Un denunciato per porto di armi od oggetti atti ad offendere

  Nel corso della notte, i poliziotti della Sezione Volanti, a seguito di richiesta pervenuta su linea di emergenza 113, sono intervenuti in una via del centro storico, poiché la richiedente segnalava la presenza dell’ex genero che, con fare violento, provava prepotentemente di entrare in casa. <span style="font-family: Calibri;">I poliziotti, giunti sul posto, non trovavano l’uomo, ma constatavano che il vetro del portoncino d’ingresso dell’abitazione era rotto. Contattata la richiedente gli agenti apprendevano che l’ex genero, attualmente separato dalla figlia, poco prima si era presentato in casa con fare molto agitato, pretendendo di entrare per parlare con la ex moglie, a seguito di un diverbio avuto con la stessa poco prima a telefono. </span><span style="font-family: Calibri;">Da quanto riferito dall’ex moglie, le reazioni violente dell’uomo, a seguito di discussioni verbali, non sarebbero una novità, infatti la donna ha già denunciato l’ex marito diverse volte per violenze subite e, anche in questa occasione, temeva di subire violenze poiché, a detta della stessa, l’uomo è solito girare armato di coltello. </span><span style="font-family: Calibri;">Gli agenti si mettevano quindi alla ricerca dell’uomo per prevenire e scongiurare eventuali atti inconsulti da parte dello stesso contro la ex moglie e, dopo circa un’ora, lo bloccavano sotto l’abitazione della donna mentre suonava insistentemente il campanello dell’abitazione, chiedendo di entrare. </span><span style="font-family: Calibri;">Sottoposto a perquisizione personale, nella tasca destra dei pantaloni, gli agenti rinvenivano un coltello a serramanico da innesto; condotto in Questura per gli adempimenti di rito, l’uomo, che risultava avere precedenti di polizia per lesioni personali e altri reati contro la persona, era denunciato in stato di libertà alla competente A.G. per il reato di porto di armi od oggetti atti ad offendere; il coltello sequestrato.</span>.

Leave a comment

Rispondi