Tre arresti nell'Agrigentino

Tre arresti nell'Agrigentino

AGRIGENTO – I carabinieri, nei comprensori di Villaggio Mosè, Realmonte e Favara, hanno complessivamente arrestato tre persone, due perché colpite da provvedimenti restrittivi della libertà personale emessi a loro carico dall’A.G., la terza è stata arrestata in flagranza di reato. I carabinieri della Stazione di Villaggio Mosè di Agrigento, hanno tratto in arresto in esecuzione di ordinanza emessa dal Tribunale di Sorveglianza di Palermo, Antonio Chiazza, 44enne, che deve espiare quattro mesi di reclusione per non avere ottemperato ad un ordine di deposito di cauzione nell’ambito di procedimento di prevenzione. I fatti risalgono al novembre del 2009. L’interessato ora si trova nella propria dimora in stato di detenzione domiciliare, dove è stato accompagnato dai militari della Stazione Carabinieri di Villaggio Mosè.<br />I carabinieri della Stazione di Realmonte hanno, invece, tratto in arresto Massimiliano Iacono, 27enne, iscritto all’anagrafe degli italiani residenti all’estero che nel primo pomeriggio di ieri è stato rintracciato dai militari in quanto colpito da due mandati di arresto europeo, emessi entrambi in Germania, per una rapina aggravata in concorso consumata ad aprile del 2010 e per lesioni personali aggravate, vicenda, quest’ultima, risalente al maggio del 2013. Ora si trova nella Casa circondariale di contrada “Petrusa” dove i Carabinieri, dopo le preliminari formalità di legge in caserma, l’hanno accompagnato e posto a disposizione delle competenti Autorità.<br />Un altro arresto è stato effettuato durante il pomeriggio di ieri 7 febbraio per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni aggravate e danneggiamento aggravato, per una vicenda che ha visto coinvolti due operatori della Polizia Municipale di Favara. Dowa Akinkambil Eric, originario del Burkina Faso, di 36 anni, residente a Favara, verso mezzogiorno, dopo essere stato condotto da personale della Polizia Municipale di Favara presso la Guardia Medica del luogo per essere sottoposto ad alcuni accertamenti sanitari, si sarebbe improvvisamente scagliato contro gli operatori di polizia sferrando calci e pugni, danneggiando anche alcune apparecchiature mediche. I Carabinieri della Tenenza di Favara, intervenuti nella struttura sanitaria per dare manforte al predetto personale della Polizia Municipale, lo hanno bloccato dichiarandolo in stato di arresto.

Leave a comment

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *