"Spesso i genitori dei disabili non si pongono il problema della sessualità dei propri figli"

"Spesso i genitori dei disabili non si pongono il problema della sessualità dei propri figli"

Ricominciano i cicli di visite della dott.ssa Guerrer ( androloga dell’Ospedale Niguarda di Milano)agli utenti affetti da Spina Bifida. Spesso i genitori dei disabili non si pongono il problema della sessualità dei propri figli perchè coinvolti da tante altre componenti che contraddistinguno un disabile: dalla impossibilità a deambulare al ritardo psicomotorio, alle difficoltà cognitive ecc.. Un disabile è un uomo come tutti e anch’egli ha le normali aspettative sessuali. Il centro Spina Bifida di Caltanissetta, unico riferimento nell’Isola, ha ritenuto necessario affrontare la questione ed ha chiesto ad uno specialista di occuparsi delle difficoltà che un disabile vive nel rapporto sessuale partendo da alcune anomalie che possono essere corrette o sanate. L’obiettivo è innanzitutto quello di affrontare la problematica senza inibizioni insieme ai disabili. Verranno visitati i disbili siciliani affetti da Spina Bifida che ne hanno fatto richiesta. Il questione sessuale non riguarda soltanto gli affetti da Spina Bifida ma tutto il mondo dellla disabilità, per questo è intenzione dell’ A.SI.S.B.I.( Associazione Siciliana Spina Bifida e Idrocefalo) organizzare un convegno regionale che veda la partecipazione di disabili, genitori e medici. <p style="text-align: right;"><strong>ASISBI</strong>.

Leave a comment

Rispondi