Snellire l’installazione dei dehors. La seconda commissione convoca la Soprintendenza

Snellire l’installazione dei dehors. La seconda commissione convoca la Soprintendenza

La seconda Commissione consiliare (Assetto del territorio), presieduta da Adriana Ricotta e composta dai consiglieri Antonio Favata, Salvatore Licata, Giovanni Magrì, Annalisa Petitto, Angelo Scalia e Walter Tesauro, ha incontrato a Palazzo del Carmine il soprintendente ai Beni Culturali e Ambientali di Caltanissetta, Lorenzo Guzzardi, per discutere della proposta di regolamento, approvata dalla giunta Ruvolo, per la disciplina dell’occupazione temporanea di suolo pubblico per spazi di ristoro all’aperto annessi a locali di pubblico esercizio, i cosiddetti “dehors”.
All’incontro, oltre ai componenti della seconda Commissione e al Soprintendente, erano presenti gli assessori Massimo Bellomo e Amedeo Falci, il dirigente dell’Ufficio Tecnico comunale, Giuseppe Tomasella, e il funzionario tecnico della Soprintendenza, Giancarlo La Rocca.
L’iniziativa è nata dalla volontà della Commissione di trovare soluzioni che snelliscano le procedure che autorizzano l’installazione dei “dehors” in centro storico. In particolare la Commissione ha voluto verificare con i responsabili degli Uffici competenti la possibilità di ridiscutere una diversa articolazione della proposta formulata dalla Giunta e il vantaggio che si potrebbe ottenere, sia in termini di snellimento delle procedure sia in termini di risparmio economico per gli esercenti, autorizzando in fase preventiva un progetto tipo (standard) di “dehors” da inserire all’interno del regolamento, prima che questo passi all’approvazione del Consiglio comunale.
L’opinione diffusa che è emersa durante l’incontro è che la progettazione di una o più strutture standard di “dehors”, per essere di qualità, richiede tempi troppo lunghi, pertanto incompatibili con la necessità urgente di dotarsi di un regolamento che disciplini il settore. Ascoltati i pareri degli intervenuti, la seconda Commissione ha deciso di predisporre una nuova proposta di Delibera da sottoporre al vaglio dell’Ufficio Tecnico del Comune.