Snalv Confsal: Disattesi impegni assunti dal sindaco di Campofranco

Snalv Confsal: Disattesi impegni assunti dal sindaco di Campofranco

Manuel Bonaffini Segretario territoriale Snalv Confsal Caltanissetta Enna Agrigento, scrive al sindaco di Campofranco Rosario Pitanza:

Testo integrale:

La scrivente O.S. con riferimento alla riunione del 22.10.2021 rileva che gli impegni assunti dalla S.V. sono stati del tutto disattesi.

Infatti l’Organismo Individuale di Valutazione non è stato ancora nominato, non sono state aumentate le ore del personale Part- Time dell’Area Tecnica Ambientale e, in particolare, non è stato potenziato l’organico del Settore Tecnico attraverso l’utilizzo dell’istituto del Comando.

Nel merito si osserva:

– che la mancata nomina del componenti del predetto Organismo di Valutazione dopo più di due anni dall’istituzione comporta una situazione di grave ed inammissibile irregolarità dei compensi relativi alle Posizioni Organizzative. Avere stabilito le indennità al massimo consentito dai Contratti Nazionali di Lavoro, in attesa della rideterminazione da parte dell’Organismo in parola, ha senso solo se la nomina di tale Organismo è imminente. In caso contrario è un modo per aggirare le diposizioni normative e contrattuali, in particolare del Regolamento Comunale che prevede che le indennità in argomento non si possono aumentare tranne che si registri un mutamento effettivo e significativo dei compiti assegnati che, nel caso di specie, non c’è stato.      

 – che il mancato aumento delle ore al predetto personale part-time, unitamente al mancato potenziamento di almeno altri due Tecnici a tempo pieno, sta portando alla paralisi dei compiti gestionali dell’Area Tecnica. Questi mancati provvedimenti ha reso di fatto l’Area Tecnica sempre più disorganizzata e confusa, fonte di situazioni “mobbizzanti” e di forte stress per l’esiguo personale che in atto presta servizio.

– che la nomina del Responsabile dell’Area Amministrativa è, come ha stabilito la Corte Dei Conti  con la sentenza n° 52 /2008, illegittima stante che ne aveva avanzato formale richiesta un dipendente della categoria  immediatamente inferiore.

Alla luce delle superiori considerazioni si chiede: 1) di mantenere gli impegni assunti; 2) di revocare la nomina del Responsabile dell’Area Amministrativa; 3) di riportare allo status quo ante le indennità di Posizione Organizzativa in attesa che l’Organismo Individuale di Valutazione ne stabilisca la graduazione e, quindi, il preciso importo.

Con espressa avvertenza che trascorso un breve lasso di tempo questo sindacato ricorrerà alle sedi opportune e alla mobilitazione sindacale nella considerazione che il personale vive le questioni di cui sopra  con grande disagio e mortificazione.