Scuole, virologi e Regioni: dovrebbero riaprire il 18 gennaio

Scuole, virologi e Regioni: dovrebbero riaprire il 18 gennaio

Per i virologi la situazione sta tornando ad essere preoccupante con l’aumento notevole della circolazione del virus in Italia e l’incremento della pressione sulle unità di terapia intensiva quindi sarebbe opportuno rinviare al 18 gennaio la riapertura delle scuole prevista per il 7 gennaio e le Regioni spingono verso il rinvio ma il ministro Azzolina è contraria. Chiariamo: ad oggi è prevista per il 7 gennaio l’apertura delle scuole, per quella che però sarà una ripartenza a “macchia di leopardo”. Le Regioni, infatti, si sono organizzate in maniera differente tra di loro per garantire una ripresa delle attività in presenza e ce ne sono alcune, come ad esempio la Campania (ma stanno valutando l’idea anche Puglia, Lazio e Veneto), che al massimo sono disposte ad un rientro al 25%. Secondo indiscrezioni, dal Partito Democratico non mancano le pressioni riguardo ad un rinvio della data di riapertura delle scuole e in queste ore Stefano Bonaccini, in qualità di Presidente della Conferenza delle Regioni e presidente della Regione Emilia Romagna, ha chiesto un incontro al Governo per valutare il da farsi. I dati dei positivi continuano ad essere elevati nonostante le restrizioni introdotte a Natale e l’indice di contagiosità ha ripreso a salire. Riaprire le scuole il 7 gennaio rappresenta un grosso rischio che molte Regioni non sembrano essere disposte a correre.