San Cataldo: Valerio Ferrara offeso per strada perché è un operaio, non indossa abiti firmati e si candida sindaco! Vergogna, buon 1 maggio a tutti

San Cataldo: Valerio Ferrara offeso per strada perché è un operaio, non indossa abiti firmati e si candida sindaco! Vergogna, buon 1 maggio a tutti

Valerio Ferrara, uomo di sani principi che lavora come operaio in una ditta,  da anni si spende per la sua amata San Cataldo, anche sporcandosi le mani, ripulendo le strade dal fango e dall’immondizia, rimuovendo frane, mettendo a disposizione la sua competenza da operaio per lavori gratuiti all’ospedale Raimondi o all’istituto artistico Juvara, questa mattina è stato offeso perché “ da operaio” ha deciso di candidarsi sindaco. Valerio da anni è coordinatore di fratelli d’Italia a livello provinciale e cittadino, il suo partito o lui possono piacere oppure no, potete votarlo, oppure no, ma offenderlo perché è un operaio, ha gli abiti sporchi da lavoro e non veste firmato, dimostra la pochezza di alcune persone. Ecco cosa è accaduto questa mattina, 1 maggio (festa del lavoro) a San Cataldo, raccontato da Valerio:  ( morale L’ABITO NON FA IL MONACO) ero nei pressi di Piazza degli eroi, mantenendo le dovute distanze con gli amici. All’improvviso si ferma un TALE, senza fare nome e cognome perchè io ho un briciolo di rispetto. Questo TALE inizia a dirmi:”TU NON SEI DEGNO NEANCHE DI ESSERE UN CANDIDATO A SINDACO PERCHÉ TI VESTI SEMPRE DA LAVORO, NON TI VESTI MAI ELEGANTE. MIO NIPOTE, CHE SI PRESENTERÀ CON LA LISTA DI ALESSANDRO PAGANO INVECE  SI VESTE SEMPRE ELEGANTE, CON COSE DI MARCA, LE SCARPE DI 180 EURO E VESTITI DI 600. TU INVECE SEI SEMPRE SPORCO DA LAVORO. TI DEVI VERGOGNARE”.

Vorrei dire a questa persona come già gli ho detto che nella vita ciò che conta è l’UMILTÀ e la mia DIGNITÀ NON LA FACCIO CALPESTARE DA NESSUNO. Si può anche non condividere la mia candidatura a Sindaco ma ciò che conta nella vita è il RISPETTO, NON MI CAMBIEREI MAI CON QUESTE PERSONE. Puoi anche comprarti vestiti costosi,  scelta tua come spendere i tuoi soldi ma questo non qualifica una persona come migliore o no, queste differenze credevo che non si facessero più nel 2021. Che si rispettasse ogni CLASSE LAVORATIVA PERCHE CIÒ CHE CONTA È PORTARE A CASA UN PEZZO DI PANE DIGNITOSAMENTE. Sono povero ma ho ricchezza enorme la dignità ed umiltà” … fiero di ciò che sono!!! QUESTO AVVENIMENTO MI FA’ RIFLETTERE MOLTO E CON GRANDE DETERMINAZIONE ANDRÒ AVANTI PER “LA NOSTRA SAN CATALDO” .