Sabato 15 e domenica 16 febbraio il Museo Diocesano del Seminario di Caltanissetta aderisce alla Seconda Giornata dei Musei Ecclesiastici che si celebra in tutta Italia.

   Sabato 15 e domenica 16 febbraio p.v., il Museo Diocesano del Seminario di Caltanissetta "Giovanni Speciale", aderisce alla Seconda Giornata dei Musei Ecclesiastici che si celebra in tutta Italia. Si tratta di un’occasione – come si legge nel Comunicato dell’ Associazione Musei Ecclesiastici Italiani (AMEI) – per «far scoprire a migliaia di persone la ricchezza e l’interesse degli oltre mille Musei “ecclesiastici”, ovvero Musei Diocesani, di Cattedrali, Chiese, Confraternite disseminati lungo l’intera Penisola, da nord a sud, isole comprese; un immenso patrimonio che ai più è del tutto ignoto, scarsamente segnalato dalle guide turistiche delle città, “snobbato” da un certo ambiente culturale, soffocato da un’immagine di polverosità e noia che è assolutamente lontana dalla realtà di queste istituzioni». La prima giornata, celebrata nel marzo dell’anno scorso, ha avuto il merito di cominciare a far riemergere quelli che apparivano come i “Musei cancellati”, nonostante siano regolarmente aperti al pubblico, siano davvero tanti (più di mille), ricchissimi per patrimonio e per attività e siano ospitati in luoghi e monumenti tra i più belli delle città italiane. L’AMEI, sulla scorta della più che positiva esperienza dello scorso anno, ha deciso di rinnovare anche nel 2014 la Giornata dei Musei Ecclesiastici, scegliendo come data il 15 e 16 febbraio, nella ricorrenza del Beato Angelico che l’Associazione ha assunto come simbolo tutelare e che è il patrono degli artisti. Così sabato 15 febbraio e domenica 16, più di 200 Musei Ecclesiastici aderenti all’Associazione (senza per altro escludere dall’iniziativa i Musei non ancora iscritti) apriranno gratuitamente le porte, proponendo, accanto al godimento delle loro diversissime collezioni, visite guidate, attività, incontri, musica. I Musei aderenti e le iniziative proposte da ciascuno di essi si possono trovare sul sito dell’Associazione: www.amei.biz.

Leave a comment

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *