Rimozione stand in Corso Vittorio Emanuele, UDC: "Prima si autorizza e poi si fa retromarcia"

Rimozione stand in Corso Vittorio Emanuele, UDC: "Prima si autorizza e poi si fa retromarcia"

Dopo le polemiche, sono stati rimossi gli stand in corso Vittorio Emanuele. La città era contraria ad una fiera in occasione della Settìmana Santa, anche perchè gli stand ostruivano il percorso delle Vare. “L’UDC ritiene doveroso intervenire in ordine all’individuazione– da parte dell’Amministrazione Comunale – degli spazi espositivi, in occasione dei riti della Settimana Santa, in corso Vittorio Emanuele. Tempo addietro, Sua Eccellenza il Vescovo ebbe a rappresentare la necessità che la Settimana Santa a Caltanissetta fosse l’occasione per vivere intensamente e spiritualmente la passione, morte e resurrezione di Ns. Signore: le Vare, le Varicedde, la Real Maestranza, il Cristo Nero dovevano avere come comune denominatore il raccoglimento, la preghiera, in preparazione della domenica di Pasqua; in altre parole Sua Eccellenza fece appello a tutte le Autorità, alle Associazioni, affinché i riti cattolici non divenissero pagani.L’UDC non può che condividere il pensiero di Sua Eccellenza. Occorre sicuramente un poco di buon senso.E’ indubbio che per Caltanissetta – dove c’è una economia asfittica – la promozione turistica degli eventi pasquali è fondamentale; bene la promozione pubblicitaria fuori dalla provincia di Caltanissetta, per far conoscere un’importantissima tradizione; occorre un po’ più di attenzione nel concedere gli spazi agli ambulanti, i quali legittimamente devono lavorare, purché il tutto si svolga secondo il clima sopra esposto e, non meno importante, perché le regole trovino rispetto sempre.Sulla vicenda in questione, poi , per come è stata ricostruita “……non vi era alcuna autorizzazione” risulta assai singolare; degli imprenditori esperti del settore – nel caso di specie i commercianti che hanno montato gli stand in Corso Vittorio Emanuele i quali conoscono a menadito le regole del caso – presi da abbaglio decidono spontaneamente di allestire in pieno centro storico decine di gazebo, sotto gli occhi di tutti. Non pensiamo che sia andata così. Qualcuno avrà dato loro un’autorizzazione.Anche il lavoro di tali imprenditori va tutelato e rispettato: dapprima si consente loro di installare in centro gli stand e poi si fa retromarcia.In virtù di quanto accaduto, l’UDC ritiene imprescindibile un confronto con il Sindaco e i partiti che lo sostengono, richiedendo fin d’ora un incontro urgente.La Settimana Santa sia realmente occasione di riflessione per chi ha commesso tale errore, convertitosi sulla via di Damasco a desistere, e non andare oltre. “