Rete studenti medi Sicilia: "Il terremoto politico di oggi è solo un altro campanello d’allarme dell’inefficienza lavorativa del governo regionale durante tutto il periodo Covid”

Rete studenti medi Sicilia: "Il terremoto politico di oggi è solo un altro campanello d’allarme dell’inefficienza lavorativa del governo regionale durante tutto il periodo Covid”

Il terremoto che oggi ha colpito i massimi vertici dell’assessorato alla Salute siciliana è solo un altro campanello d’allarme dell’inefficienza lavorativa del nostro governo regionale durante tutto il periodo Covid. L’assessore regionale Razza e altri dirigenti sono stati accusati di aver falsificato i dati dei contagi nella nostra regione e alterato i possibili successivi provvedimenti, mettendo così a rischio la salute dei cittadini e delle cittadine siciliane.

Salute, scuola e lavoro devono essere le priorità del governo e non possiamo permettere che per giochi di potere vengano declassate e messe in secondo piano.

Il governo siciliano non è stato capace di fronteggiare questo periodo e ha fallito in molti campi, indispensabili per uscire dal tunnel della pandemia e per iniziare il lungo cammino della ripresa.

Noi è da un po’ che diciamo che le cose non vanno bene e che è necessario un cambiamento, questo però adesso non è più accettabile e tollerabile. Bene le dimissioni dell’ormai ex assessore regionale alla sanità, la salute non può essere messa in discussione durante un’emergenza sanitaria. Abbiamo bisogno di un governo coerente e cosciente delle azioni che fa, che agisca per la tutela dei suoi cittadini e che rispetti le promesse, come quelle rivolte alle centinaia di migliaia di studenti e studentesse mai realizzate.