Residenti di via Puccini: "Dovevamo andare a Palermo, ma il sindaco ci ha bidonati"

[embed_video id=57653] I rappresentanti dei residenti delle palazzine dello Iacp di Caltanissetta di via Puccini questa mattina insieme al presidente del Comitato di quartiere San Pietro e ad alcuni consiglieri comunali dovevano andare a Palermo con il sindaco Giovanni Ruvolo per discutere della difficile situazione che stanno vivendo con il presidente della Regione Rosario Crocetta. Il sindaco è andato da solo “Bidonando tutti” dichiarano i residenti. Ricordiamo che è sempre più drammatica la vicissitudine delle 64 famiglie che vivono nelle cinque palazzine Iacp di via Giacomo Puccini che sono a rischio crollo a causa dei gravi deterioramenti delle travi e dei pilastri portanti delle costruzioni. Adesso è arrivata l’ora dello sgombero per gli inquilini – si parla di oltre 200 persone – ai quali dovrà essere trovata una sistemazione abitativa in attesa di una soluzione.
L’istituto autonomo case popolari, che ha affidato uno studio all’esperto Fabio Neri del dipartimento di Ingegneria Civile e architettura di Catania sulla stabilità degli edifici costruiti 35 anni fa – dovrà quindi avere gli alloggi liberi per eseguire opere di stabilizzazione. Al momento non si parla di abbattere le palazzine, ma di interventi di consolidamento delle strutture. Eppure l’emergenza è dietro l’angolo per le 64 famiglie destinatarie di un provvedimento di sgombero. L’Iacp, infatti, nelle scorse ore ha inviato all’Ufficio tecnico comunale l’elenco delle famiglie che abitano nelle palazzine “traballanti” che a breve dovranno andare via. La tensione è alle stelle e si stanno valutando anche gli effetti sull’ordine pubblico. Si sta cercando di trovare una via d’uscita al problema: l’Amministrazione comunale sta bussando a cassa alla Regione per ottenere dei fondi specifici così da gestire la sistemazione delle famiglie.