PD Sicilia: “No donne in giunta Musumeci, procederemo a vie legali”

PD Sicilia: “No donne in giunta Musumeci, procederemo a vie legali”

“Sulla mancanza di donne nella giunta Musumeci il Partito Democratico siciliano procederà alle vie legali. Daremo incarico a un pool di esperti, coordinati dall’avvocato Antonio Saitta, per valutare ogni azione legale, non soltanto a tutela del diritto della parità di genere ma anche dell’immagine della Sicilia compromessa dalla scelta di Musumeci”. Lo afferma il segretario del PD Sicilia, Anthony Barbagallo, critica aspramente la nuova composizione della giunta regionale siciliana, annunciata da Musumeci che formalizza l’assenza di donne nella compagine governativa.

   “Una decisione anacronistica – prosegue Barbagallo – che fa ripiombare la Sicilia nel Medioevo, ma anche paradossale: si impone ai comuni la presenza delle donne in giunta e l’Ente sovraordinato, la Regione, invece se ne infischia”.

   A nulla serve il lungo elenco di donne – valenti e con indiscutibili meriti professionali – scelte da Musumeci per ricoprire incarichi prestigiosi sia nello staff sia ai vertici burocratici regionali: “il dato di fatto è che – secondo Milena Gentile, responsabile del dipartimento Pari opportunità e politiche di genere del PD siciliano – l’unica donna presente in giunta regionale è stata sacrificata in virtù di meri scambi di convenienza politica. Per questo, a ridosso del capodanno, abbiamo dato avvio alla campagna #inmezzoalleorecchie, raccogliendo una valanga di proteste e di petizioni. A questo punto non ci possiamo fermare, perché finalmente la Sicilia si adegui alle regioni del resto d’Italia applicando la legge Delrio, che prevede – conclude – il 40% della presenza di donne in giunta. Chiediamo inoltre l’approvazione della doppia preferenza di genere per la legge elettorale regionale ”.