Operato due volte, infezione in corso, per la colonscopia deve aspettare a giugno

[embed_video id=120671]Nisseno, cinquant’anni, operato due volte per una grave patologia, adesso ha probabilmente un’infezione in corso ed il chirurgo che lo ha operato gli ha prescritto una colonscopia urgente. Giunto al Cup del Sant’Elia, l’amara sorpresa….la colonscopia potrà essere effettuato soltanto a giugno…Ma come si fa? Se c’è l’infezione bisogna intervenire al più presto, quindi il nisseno sarà costretto a fare l’esame a pagamento. Interminabili liste d’attesa anche in casi gravi? Il presidente del Tribunale per i diritti del malato ci spiega che i cittadini comunque non sanno che la legge prevede che nel caso di patologie gravi, se i tempi d’attesa superano i 60 giorni in tutti gli ospedali della provincia, il paziente può eseguire l’esame a pagamento e deve essere rimborsato dall’Asp