Niscemi, Antonio a 21 anni ha perso una gamba e ora lancia una raccolta fondi per una protesi all’avanguardia

Niscemi, Antonio a 21 anni ha perso una gamba e ora lancia una raccolta fondi per una protesi all’avanguardia

“La tecnologia protesica odierna permette di raggiungere ottimi risultati con protesi all’avanguardia che permettono di tornare a una vita normale ma hanno un costo molto elevato che l’ASL di competenza non copre”.

Antonio Cinquerrui ha 21 anni e vive a Niscemi, in provincia di Caltanissetta, da dove ha deciso di fare partire una raccolta fondi su GoFundMe.

“All’ età di 14 anni – scrive – all’ospedale Rizzoli di Bologna vengo sottoposto a biopsia ossea. Il verdetto è chiaro: un tumore alla gamba, precisamente un sarcoma di Ewing alla tibia prossimale destra”.

Dopo anni di visite, interventi e terapie, ad Antonio viene detto che la soluzione migliore è l’amputazione della gamba destra, che avviene lo scorso 10 giugno.

“Nonostante tutto ciò – scrive – non ho mai perso il sorriso. Ora più che mai – aggiunge – sono motivato a riprendere in mano la mia vita”. 

Per farlo ha bisogno di questa nuova protesi d’avanguardia, la Genium X3 di Ottobock, “un vero e proprio arto bionico che svolge esattamente le stesse funzioni di una gamba naturale, che permette di camminare, salire e scendere le scale normalmente, fare il bagno oltre che addirittura correre, insomma, tutto ciò che un ragazzo di quest’età dovrebbe aver possibilità di fare”.

La sua campagna è diventata virale tanto da aver avuto più di novecento condivisioni  e raccolto oltre 7mila euro. Si può raggiungere al link https://gf.me/v/c/gfm/una-gamba-bionica-per-antonio