Messina: fattoria lager, macelli e allevamenti abusivi, sequestrati oltre 230 animali

Messina: fattoria lager, macelli e allevamenti abusivi, sequestrati oltre 230 animali

In provincia di Messina macelli e allevamenti abusivi. Sequestrati coltelli e mazze di ferro per l’uccisione degli animali, nonché oltre 230 capi di bestiame. Denunciati due allevatori dai finanzieri del Comando provinciale nel corso di due distinti interventi.

In particolare, il titolare all’area abusivamente adibita ad attività di macellazione, a Mongiuffi Melia, secondo quanto accertato dalle Fiamme gialle della Compagnia di Taormina, procedeva all’uccisione degli animali con strumenti non regolari, provocandogli gravi sofferenze con crudeltà, e conservava le carni macellate in celle frigorifere sprovviste dei requisiti richiesti: una vera e propria fattoria lager.

I coltelli a lama lunga e le mazze di ferro, nonché la cella frigorifera sono stati sottoposti a sequestro, come i 58 capi di bestiame ancora vivi, tra suini, ovini e polli, tutti pronti per la macellazione, tuttavia privi di qualsiasi indicazione sulla provenienza, nonché dell’apposita documentazione sanitaria. L’allevatore è stato denunciato per ricettazione e macellazione clandestina, che prevede la pena dell’arresto da 6 mesi ad un anno, ovvero l’ammenda fino a 150 mila euro. Nel corso del secondo controllo, invece, sempre nel territorio meliese, i finanzieri di Taormina e i funzionari dell’Asp hanno rilevato la presenza maiali privi di indicazione sulla provenienza e la tracciabilità, nonché innumerevoli altri animali, tra ovini e caprini, ancora non sottoposti alla profilassi prescritta dalla normativa sanitaria. Sequestrati i 12 suini privi di marchio auricolare identificativo e i 166 animali privi di profilassi. Anche in questo caso l’allevatore è stato segnalato alla Procura.