Marketing Blockchain e Società Crittografiche in America Latina

Marketing Blockchain e Società Crittografiche in America Latina

Blockchain è uno di quei termini moderni che sembra suscitare paura nelle persone di una certa età, me compreso. Dice Patrick O’neil  (Patrick O’Neill Managing Partner di Sherlock Communications e nominato Best PR Professional 2020 dell’America Latina dai PR Week Awards)

Come le criptovalute, l’archiviazione cloud e qualsiasi cosa con il prefisso cyber-, spesso può sembrare un po ‘troppo scoraggiante anche solo da prendere in considerazione.

Ma per chi è nel marketing e nella comunicazione, anche se non desideri scambiare le bollette con Bitcoin, la semplice comprensione e l’abbraccio dell’idea di blockchain può trasformare le tue prospettive di business.

Una Visione Differente Sulle Criptovalute Secondo Patrick O’Neil.

Nel 2017, quando la mia agenzia di comunicazione ha iniziato a essere contattata più regolarmente da società legate alle criptovalute desiderose di esplorare il mercato latinoamericano, ci siamo sentiti obbligati a immergere i nostri piedi collettivi nell’ecosistema e ottenere una migliore comprensione di ciò che stava accadendo.

Ciò è diventato presto un’immersione profonda e da allora abbiamo ampliato notevolmente le nostre conoscenze, collaborato con più di 20 clienti fintech, ricevuto un premio per il nostro lavoro in Colombia e l’anno scorso siamo diventati la prima agenzia di pubbliche relazioni in America Latina ad accettare Bitcoin come pagamento.

Lo dico perché quando si tratta di tecnologia crittografica e blockchain, è essenziale fidarsi di coloro con cui hai a che fare. Consiglierei a qualsiasi agenzia di comunicazione o marketing di condurre la propria revisione delle aziende e mettere in dubbio la fonte di tutte le informazioni fornite.

Un modo per farlo, è assumere un consulente blockchain di fiducia che svolga una ricerca approfondita e fornisca feedback sulla credibilità di tutti i potenziali clienti crittografici e che ti possano dire quali siano le migliori app trading.

Ciò ha reso l’intero processo molto più agevole e rimuove tutti i dubbi che potremmo avere. Inoltre, ci ha portato a diminuire più della nostra giusta quota di potenziali clienti.

Durante la ricerca di una società che ci aveva contattati, abbiamo scoperto che un governo in Asia l’aveva considerata corrotta; un altro è stato ritenuto scivoloso dalle autorità sudafricane; un altro sembrava essere un possibile schema Ponzi.

Tale negligenza si è manifestata nel cinismo all’interno dei media latinoamericani, dove la blockchain sta crescendo rapidamente ma rimane un concetto relativamente nuovo. Molti organi di stampa sono diffidenti nel coprire queste storie.

E in Colombia, ad esempio, per molto tempo, la stampa ha considerato tutto ciò che è criptato come correlato ad attività illegali e si è semplicemente rifiutata di coprirlo. Ma se c’è una cosa indiscutibile dell’America Latina, è che la regione non è omogenea. Come agenzia, è essenziale che tu comprenda ogni paese individualmente: le sue leggi e regolamenti, le sue percezioni di fintech, pratiche finanziarie comuni, obiettivi generali e attitudine al rischio e molto altro ancora.

Per comprendere meglio la spinosa situazione in Colombia, abbiamo commissionato un sondaggio sui consumatori chiedendo ai residenti cosa ne pensassero delle criptovalute. I risultati hanno sorpreso anche noi, dimostrando che il grande pubblico era ansioso di saperne di più, e un numero considerevole prenderebbe in considerazione di investire in criptovaluta.

Questo ci ha permesso di rivolgerci ai media e di dimostrare che i colombiani desideravano saperne di più sull’argomento. A loro volta, i media hanno abbracciato la notizia e hanno iniziato a educare i suoi lettori, aiutando a cambiare la percezione nel paese che tutte le criptovalute siano corrotte.

Cosa Ne Pensano I Paesi Latini Delle Criptovalute?

Come risultato del successo della nostra campagna in Colombia, abbiamo deciso di condurre ricerche in 21 paesi dell’America Latina. Secondo i nostri risultati, prevedibilmente, l’incertezza e la mancanza di fiducia sono state citate come i principali ostacoli alla base della riluttanza a investire.

Tuttavia ha anche fornito alcuni spunti interessanti, come la scoperta che argentini, brasiliani, colombiani e messicani hanno un genuino interesse a investire in criptovalute a seguito della crisi economica innescata dal Covid-19.

Il rapporto dimostra un enorme interesse per l’America Latina, una regione con una popolazione di circa 650 milioni di abitanti. Il mercato chiaramente crescerà, quindi se stai compiendo i tuoi primi tentativi passi nell’ecosistema o se sei già coinvolto e ora stai cercando di promuovere la tua attività crittografica (o l’attività crittografica di un cliente) in America Latina, puoi essere certo che esistono opportunità per coloro che sono pronti a fare i compiti. Sii intelligente, sii cinico, ricerca individualmente ogni mercato e anche tu puoi godere di alcune di queste opportunità.

Uno dei principali consulenti blockchain dell’America Latina e il curatore del nostro rapporto mi hanno consigliato una volta che non dovresti mai aver paura di chiedere aiuto. Dopotutto, abbiamo iniziato tutti da qualche parte e nei primi giorni avevo sicuramente molte domande. Le agenzie che cercano di entrare nella regione farebbero bene a cercare consulenti esperti che comprendano il mercato e possano comunicare in portoghese, spagnolo e inglese.

Blockchain, sebbene indubbiamente scoraggiante, non deve essere così spaventoso da farti stare alla larga. Se sviluppato in modo responsabile e corretto, l’ecosistema crittografico ha il potenziale per diventare una tecnologia fondamentale per permetterci la libertà finanziaria e migliorare il benessere e la rigenerazione della nostra società. E questo è qualcosa di cui tutti dovremmo voler far parte.