L’intimidazione al sindaco di Sommatino, carabinieri alla ricerca di telecamere e testimoni

L’intimidazione al sindaco di Sommatino, carabinieri alla ricerca di telecamere e testimoni

Indagini su tutti i fronti, senza tralasciare alcuna pista sull’avvertimento sferrato col fuoco nei confronti del sindaco di Sommatino, Crispino Sanfilippo. Sono al vaglio tutte le ipotesi per fare chiarezza sull’incendio appiccato da ignoti alla porta del suo studio di consulenza del lavoro in via Vittorio Emanuele. Le fiamme – poi domate dai vigili del fuoco di Caltanissetta – si sono sprigionate nel tardo pomeriggio e oltre alla porta hanno danneggiato anche il prospetto dell’edificio. Al momento dell’incendio, Sanfilippo si trovava alla presenza di un libro. Le indagini sono affidate ai carabinieri che stanno accertando la presenza di telecamere nella zona che possono aver inquadrato persone sospette all’orario in cui è stata messa a segno l’intimidazione. Tanti e bipartisan gli attestati di solidarietà al primo cittadino, che era stato eletto sindaco nel 2012 con la lista “Sommatino nel cuore”. Sanfilippo a fine luglio era stato nominato presidente della Srr4 composta dagli otto comuni dell’Ato Ambiente CL2, tra cui Gela, Niscemi, Delia, Butera, Piazza Armerina e Mazzarino.