Lampedusa. Migranti, hotspot al collasso. Don La Magra:” 200 ancora sul molo, vergogna”

Lampedusa. Migranti, hotspot  al collasso. Don La Magra:” 200 ancora sul molo, vergogna”

A Lampedusa  nella notte non si sono registrati altri approdi. Restano 1.500 gli ospiti dell’hotspot di contrada Imbriacola a fronte di una capienza massima di 250 persone, mentre in 200 sono stati posizionati sul molo Favaloro.

Le condizioni avverse del mare, intanto, bloccano anche i trasferimenti dei migranti e, quindi, lo svuotamento del molo e dello stesso centro di accoglienza. In 200, in tarda serata, sono sbarcati a Porto Empedocle con il traghetto di linea e sistemati su dei pullman alla volta di alcuni centri di accoglienza della provincia di Ragusa. In precedenza altri 312 sono stati portati sulla nave quarantena “Allegra”, una seconda nave: la “Azzurra” e’ arrivata appositamente a Lampedusa per continuare i trasferimenti e alleggerire le presenze nell’hotspot. Ma non ha potuto imbarcare altri migranti per le avverse condizioni meteo che impediranno pure i trasferimenti a bordo del traghetto di linea.

Il parroco di Lampedusa, don Carmelo La Magra, dichiara:  “Ancora 200 persone migranti hanno passato la notte sul molo Favaloro a Lampedusa in condizione igieniche indescrivibili e con i servizi igienici inutilizzabili, costretti ad urinare in bottiglie di plastica. Governo dei migliori… Vergogna. Continuare a chiamare emergenza un fenomeno che si ripete allo stesso modo per decenni serve solo a deresponsabilizzare la politica. ‘Buoni’ e ‘cattivi’ continuano a parlare di migranti ma nessuno sembra proporre soluzioni concrete”.