La Nissa a scuola: incontro formativo al Liceo Sportivo A.Volta

La Nissa a scuola: incontro formativo al Liceo Sportivo A.Volta

Con il secondo incontro formativo svoltosi al Liceo Sportivo A.Volta, ha preso il via la parte “operativa” del corso di Marketing Sportivo destinato alle classi IV e V dell’istituto del capoluogo nisseno.

Un progetto che inizia a prendere forma grazie alla numerosa partecipazione degli studenti e da oggi anche dei giocatori della Nissa.

Il capitano Gianluigi Illario ed i vice capitano Omar Diop e Matteo Bisogno, hanno preso parte alle lezioni tenute dal Direttore Marketing Giovanni Russo.

Una presenza importante quella dei ragazzi biancoscudati in quanto oltre a dialogare con gli studenti hanno portato anch’essi conoscere ed approfondire le strategie marketing del Club giallorosso entrando ancora di più in feeling con la dirigenza e soprattutto con le idee chiare del Presidente ed imprenditore Arialdo Giammusso.

La lezione ha riguardato le tecniche di coinvolgimento dei tifosi e degli sponsor mediante l’utilizzo della video comunicazione e dei social network. Particolare focus è stato riservato ai progetti education destinati ai più piccoli delle scuole primarie di primo grado.

L’attività proseguirà con la composizione dei gruppi di lavoro tematici per la creazione e gestione dei canali social Instagram e Tik Tok e l’ideazione del progetto education per le scuole primarie.

“Siamo contenti ed onorati di potere contribuire al progetto scuola della Nissa – ha dichiarato Omar Diop – abbiamo tutti la percezione di fare parte di un Club molto ambizioso e strutturato che sta lavorando nel modo giusto per conquistare consenso e nuovi tifosi. Lo sta facendo andando tra la gente e soprattutto tra i più giovani. Noi siamo completamente a disposizione del nostro Club e soprattutto siamo onorati di potere conoscere i nostro tifosi fuori dal campo”, ha concluso Omar Diop.

Anche Giovanni Russo ha dichiarato: “Per decenni non sono stati realizzati progetti di coinvolgimento dei tifosi, forse è questo il motivo per cui si fa fatica a riempire lo stadio la domenica pur essendo a tre punti dalla vetta della classifica. Soltanto lavorando con i più giovani si possono mettere le basi per il futuro e questo non vale soltanto per il campo ma anche su gli spalti. Il progetto è appena iniziato, a tutti noi piace vincere e stiamo lavorando duro per ottenere successi dentro e fuori dal campo. A mio avviso però tutto passa dall’empatia e dal rapporto con i tifosi e con l’intera città, dalla cultura della sconfitta o per meglio dire della non vittoria a tutti i costi e dal ringiovanimento del target dei fan con progetti mirati ed interessanti per tutte le fasce di età”.

Un ringraziamento particolare al Dirigente Scolastico Prof. Vito Parisi ed alla Prof.ssa Alessandra Giunta che hanno creduto nel progetto e si impegnano costantemente per la migliore riuscita delle attività.