Italia “Zona Rossa” nel periodo natalizio, solo 4 giorni in “zona Arancione”. Immediati ristori.

Italia “Zona Rossa” nel periodo natalizio, solo 4 giorni in “zona Arancione”. Immediati ristori.

Decreto legge. Italia tutta “ Zona Rossa”dal 24 dicembre al 6 gennaio. Saremo in zona arancione solo il 28,29,30 dicembre e 4 gennaio. Mentre dal 21 dicembre  sono vietati gli spostamenti tra regioni. Dal 24 dicembre, zona rossa, non si possono vedere amici o parenti in qualsiasi luogo, che sia aperto o chiuso. L’unica deroga è che sarà consentito, al massimo a due non conviventi di effettuare visite nelle abitazioni private. Dalla deroga non sono conteggiati gli under 14, i cui spostamenti saranno quindi consentiti. Vietato qualsiasi spostamento all’interno delle zone rosse: sia all’interno del proprio comune che fuori. Le uniche eccezioni sono per esigenze di lavoro, salute o necessità. Tutte esigenze che devono essere sempre giustificate da un’autocertificazione altrimenti si rischiano multe.  Non si possono neanche raggiungere le seconde case, anche se si trovano nello stesso comune o regione. Chiusi i negozi, tranne supermercati, generi alimentari e commercio al dettaglio di beni di prima necessità, edicole, tabaccherie, farmacie e parafarmacie restano aperte anche le lavanderie, parrucchieri e barbieri. Chiusi bar, ristoranti, pizzerie, pasticcerie che potranno effettuare consegne a domicilio e asporto fino alle 22 e chiusi i centri estetici. Chiusi i mercati. All’interno del mercato centrale e dei mercati rionali è consentita la vendita dei soli generi alimentari.

Consentita attività motoria all’aperto nei pressi della propria abitazione e sport individuale 

Nella zona arancione il movimento all’interno del proprio comune è libero tra le ore 5 e le 22, quando comincia il coprifuoco notturno. Tuttavia, sempre nella zona arancione resta vietato spostarsi dal proprio Comune, salvo per le esigenze di lavoro, necessità e salute. Vietato  uscire o entrare dal territorio regionale, salvo che per spostamenti motivati da “comprovate esigenze”. Restano chiusi i bar, pizzerie e ristoranti, così come gelaterie e pasticcerie. Rimangono possibili asporto e consegna a domicilio. I negozi resteranno aperti fino alle 21.Nel periodo della zona arancione si potrà uscire dal territorio dei piccoli Comuni sotto i 5mila abitanti, entro un raggio di 30 chilometri. Non ci si potrà però muovere per andare nei Comuni capoluogo, anche se si trovano entro un raggio di 30 km.  Immediati ristori per le chiusure. 645 milioni per ristoranti e bar. Ristori anche per le altre attività che chiuderanno.