Italcementi: impianto di Porto Empedocle chiude le attività; 
area in sicurezza, misure per reinserimento

Italcementi: impianto di Porto Empedocle chiude le attività; 
area in sicurezza, misure per reinserimento

Nota Italcementi: “La decisione di chiudere definitivamente l’impianto di Porto Empedocle è stata sofferta, ma purtroppo necessaria. Dopo la crisi del 2008, il mercato del cemento non si è più ripreso, assestandosi a 18-19 milioni di tonnellate l’anno rispetto agli originari 46 milioni di tonnellate. Un crollo che ha interessato duramente anche la Sicilia, dove i livelli di vendita non consentono più di mantenere attivo un impianto come Porto Empedocle, che ogni anno registra un passivo che è stabilmente nell’ordine dei milioni di euro. La situazione determinata dalla pandemia non ha fatto altro che peggiorare una condizione che era già insostenibile.

L’Azienda da parte sua conferma di rendere favorevoli le condizioni per l’utilizzo dell’area produttiva per nuove iniziative industriali che si dovessero profilare come opportunità per il rilancio economico e occupazionale del territorio. Nelle prossime settimane inizieranno le operazioni che porteranno alla graduale fermata degli impianti e il sito sarà gestito fino a giugno 2021 come centro di distribuzione, con il prodotto fornito da Isola delle Femmine. Saranno mantenute tutte le misure di sicurezza del sito. Inoltre, rispetto al tema occupazionale dei dipendenti di Porto Empedocle, Italcementi ha già espresso la propria disponibilità a reinserire i lavoratori in altri stabilimenti nel proprio network produttivo in Italia e a incentivarne l’esodo volontario e per pensionamento.”