Immatricolazioni moto in crescita, ecco come risparmiare sulla polizza

Le immatricolazioni moto sono in crescita, come testimoniato dai dati di settore. Secondo gli ultimi report sulle variazioni per ogni tipologia di veicolo a due ruote, su un totale di oltre 28 mila immatricolazioni registrate a giugno, le moto si dimostrano stabili con un aumento del +0,7% (circa 10.800 immatricolazioni). Gli scooter, invece, hanno registrato un interessante boom, con un totale superiore alle 17.500 unità e con una variazione positiva pari al +4,3%. I motorini 50 sono gli unici ad aver registrato un calo a giugno: si parla di circa 2.300 immatricolazioni, pari al -3,7%. Se si considera il mercato nella sua totalità, comunque, le immatricolazioni parlano di un incremento complessivo del +2,9% rispetto a giugno 2018 (oltre 28 mila unità totali).

Come tagliare le spese relative alla polizza moto

Adesso che abbiamo chiarito i numeri relativi al boom di immatricolazioni, arriva il momento di capire come tagliare le spese relative alla polizza moto. Primo consiglio: in vista delle ferie estive si può prendere in considerazione la possibilità data dalla sospensione della polizza. Si tratta di una soluzione ideale se le ferie sono piuttosto lunghe, e se si prevede di non utilizzare il mezzo per lungo tempo. Come fare? Scopri come sospendere l’assicurazione moto leggendo la guida di Facile.it, in modo tale da avere un quadro preciso della situazione. Ilfunzionamento della sospensione della polizza, comunque, è piuttosto semplice: si interrompe la copertura per il periodo prestabilito, ma bisogna ovviamente evitare di usare il mezzo durante questo lasso di tempo, se non si vuole incorrere in sanzioni. In secondo luogo, se non hai ancora scelto l’assicurazione o se hai intenzione di cambiarla, esistono una serie di fattori utili per economizzare. Qui si parla di tutti quegli elementi presenti in ogni contratto, come ad esempio la classe di merito, il modello da assicurare e persino la provincia di residenza, che spesso determina la spesa complessiva della polizza. 

Attenzione anche alle garanzie accessorie, frequentemente alla base di sovrapprezzi evitabili. Infine, l’ultimo suggerimento è di valutare la scelta di un’assicurazione temporanea: si parla di opzioni che posseggono una durata molto più breve, rispetto alle polizze normali, e che permettono di risparmiare altri soldi. Per fare due esempi concreti, esistono delle opzioni con copertura trimestrale o semestrale.

In conclusione, gli italiani a giugno hanno deciso di non rinunciare alla propria moto. Questo però impone anche di studiare i vari modi per risparmiare sulle polizze, che rappresentano un costo molto alto per ogni motociclista.