Il taglio dei debiti è possibile: il Tribunale di Caltanissetta ha ridotto l’indebitamento di una coppia nissena con uno stralcio del 70%

Il Tribunale di Caltanissetta, il 15 Ottobre 2019, con l’omologa del piano del consumatore N. 1/2019, ha ridotto sensibilmente l’indebitamento di una coppia nissena che, per una serie di vicissitudini, era ormai soffocata dalle rate mensili. I coniugi, con l’assistenza legale dall’Avv. Merilinda Fagone, hanno fatto così ricorso al Tribunale di Caltanissetta, per accedere alla procedura di sovraindebitamento prevista dalla L. 3/2012. Il Tribunale incaricava l’OCC dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Caltanissetta, che a sua volta, nominava il Dott. Giacalone Roberto gestore della crisi incaricandolo di predisporre una relazione di attestazione in merito alla redazione del Piano.
Il piano del consumatore ha previsto lo stralcio fino al 70% dei debiti e il pagamento di una rata costante per 7 anni, garantendo così ai coniugi una riduzione notevole del loro debito e al termine del piano potranno ricominciare da capo.
Tecnicamente si parla di fresh start: “nuovo inizio”. Il Dott. Roberto Giacalone, gestore della crisi e l’Avv. Merilinda Fagone ribadiscono l’importanza della Legge 3/2012, che rappresenta un baluardo fondamentale dei diritti del consumatore che, stretto nella morsa dell’indebitamento, spesso inconsapevole può trovare una speranza. La legge, emanata nel 2012 e chiamata legge salva suicidi, è però ancora poco conosciuta, ma ha un effetto dirompente in tutte quelle situazioni in cui il consumatore meritevole non trova una via d’uscita, sottolineano il Dott. Giacalone e l’Avv. Fagone.
Spesso per pudore si preferisce rinviare la risoluzione del proprio indebitamento, mettendo la testa sotto la sabbia, senza pensare che affrontare il problema, supportati da professioni competenti, da loro la possibilità di ricominciare una nuova vita. La legge abbraccia tutte le situazioni di crisi del consumatore o dei piccoli imprenditori non fallibili, che, trovandosi in una situazione di difficoltà, vedono il loro patrimonio aggredito da banche e finanziarie. È possibile trovare così una soluzione con la liquidazione del patrimonio, o cercando un accordo con i propri creditori oppure accedendo, come nel caso di cui sopra, al piano del consumatore, ottenendo una forte riduzione dell’indebitamento e aprendosi cosi’ a nuove prospettive.
Il Dott. Giacalone infine ribadisce che l’OCC dell’Ordine dei Dottori Commercialisti è uno sportello aperto a tutti, nel quale è possibile essere assistiti da professionisti formati, sia nella fase di pre-analisi sia nella successiva di attuazione per la risoluzione dell’indebitamento.