I grillini puliscono alcune aree di Caltanissetta

I grillini puliscono alcune aree di Caltanissetta

Domenica 05 Luglio intorno alle 9:30 il M5S Caltanissetta ha avviato un’iniziativa di
pulizia di alcune aree cittadine. Il gruppo si è radunato presso la rotatoria in via
Ferdinando I dove a godere della frescura dell’acqua c’erano i rifiuti. Il gruppo così
composto: Dimitri Fonti, Simona Domina, Vincenzo Cancelleri, Nina Schirmenti, Marcello
Bellomo, Roberto Gambino, Angelo Sole e due volontari del Meetup di San Cataldo, Adriano
Bella e Barbara Marcenò perchè il Movimento è collettività e non territorialità. Successivamente i volontari del M5S si sono spostati in Piazza della Repubblica in via F.
Turati dove da qualche giorno il Comune ha proceduto con il taglio delle erbacce, taglio
che paradossalmente ha messo in evidenza lo stato di degrado e sporcizia in cui versa la
villa. E’ stato raccolto di tutto: bottiglie di plastica, pacchetti di sigarette,
bottiglie in vetro, piatti, bicchieri, cartacce, tutti oggetti che sono evidentemente
lasciati li dai cittadini noncuranti della cosa pubblica. Anche i giochi posti nell’area
dedicata ai bambini non si presentano in buono stato, un’altalena risulta mancante, i
dondoli in legno sono spezzati e non sono stati messi in sicurezza, pertanto un bimbo
potrebbe farsi male se salisse su uno di questi giochi, la capannina in legno si presenta
senza tettoia e sommersa da rifiuti. Nota piacevole di questa giornata per il M5S
Caltanissetta è l’apprezzamento e i ringraziamenti ricevuti da parte dei cittadini che
passeggiavano nella villa, la soddisfazione di aver donato qualcosa alla Città senza
nulla a pretendere. Con piacere e buona volontà il gruppo nisseno pentastellato ha
ripulito due aree molto frequentate della Città, invita i cittadini a mantenere lo stato
di pulizia e ordine lasciato. In fondo sono i cittadini stessi ad usufruire della villa e
evitare di gettare carte o bottiglie o altro per terra sarebbe un vero gesto di civiltà e
di rispetto della cosa pubblica che altro non è che la propria città.