Furto di un portafogli con 500 euro, in tre nei guai

Furto di un portafogli con 500 euro, in tre nei guai

Stamani, intorno alle ore 12 circa, i poliziotti della sezione Volanti, in servizio di controllo del territorio, nel transitare per via Leone XIII, giunti all’altezza della via Luigi Rizzo, nei pressi di un bar, venivano attirati dall’attenzione di alcuni passanti, che dicevano che era stato perpetrato un furto e che gli autori erano stati fermati poco distante. Gli agenti si spostavano sul luogo indicato, dove notavano un’autovettura Opel Astra e accanto all’autovettura tre individui guardati a vista da due uomini. Uno dei due uomini, alla vista dei poliziotti delle Volanti, si qualificava quale assistente della Polizia penitenziaria, dicendo ai colleghi che, poco prima, i tre soggetti, all’interno di un negozio di animali di Via Leone XIII avevano rubato il portafogli all’impiegato del negozio, dandosi alla fuga, e che l’impiegato avvedutosi del furto si era messo al loro inseguimento. L’assistente di polizia penitenziaria, che si trovava nei pressi, visto il terzetto di uomini inseguito dall’impiegato del negozio, era corso in suo ausilio, riuscendo a bloccarli tutti e tre. I tre soggetti erano quindi condotti in Questura, ove erano identificati in tre cittadini di nazionalità rumena senza fissa dimora: Stan Madalin Costantin di anni 30, Marin Florin di anni 28 e Tanase Cristian di anni 27. I tre erano quindi tratti in arresto per furto aggravato in concorso e condotti presso la locale Casa circondariale a disposizione dell’Autorità giudiziaria. In sede di denuncia l’impiegato del negozio dichiarava che, verso le 11.30, tre persone erano entrate nel negozio e, mentre uno si fingeva interessato per l’acquisto di un cucciolo, un altro andava dietro il bancone del negozio, asportando il suo portafogli contenente circa 500 euro. Poi la fuga. L’impiegato, accortosi immediatamente del furto si metteva all’inseguimento. Il portafogli, recuperato è stato consegnato al legittimo proprietario. (nella foto i tre arrestati).

Leave a comment

Rispondi