Furto d'auto, tre fermati a Gela

Furto d'auto, tre fermati a Gela

Durante la notte appena trascorsa, i Carabinieri della Sezione Radiomobile del Reparto Territoriale di Gela traevano in arresto un diciottenne, Benedetto Azzarelli, piemontese di nascita ma domiciliato a Gela, e due parenti non ancora maggiorenni, un quindicenne e una sedicenne, responsabili del reato di furto aggravato in concorso. Era da poco trascorsa la mezzanotte quando un condomino di uno stabile del quartiere Macchitella, affacciandosi dal balcone, notava che la propria auto, una Fiat 500 parcheggiata poco prima sotto casa, non c’era più. Immediato l’allarme alla Centrale Operativa dei Carabinieri ed immediate le ricerche dell’utilitaria. A pochi minuti dalla segnalazione, la pattuglia della Radiomobile notava effettivamente una 500 che, accortasi della presenza dei carabinieri, svoltava repentinamente in una traversa della via Palazzi accelerando l’andatura. Constatata la corrispondenza con la macchina oggetto di furto, ne scaturiva un inseguimento terminato alcuni chilometri dopo con l’arresto dei tre occupanti dell’auto rubata, che nel frattempo avevano arrestato la marcia tentando di fuggire a piedi per le strade circostanti. I due minorenni, trovati in possesso di una chiave alterata in grado di aprire e mettere in moto l’auto – posta sotto sequestro – venivano tradotti presso l’Istituto penale per minorenni di Caltanissetta mentre il maggiorenne presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.

Leave a comment

Rispondi