Corruzione: Procura di Gela chiede rinvio a giudizio per Siciliano e Torrenti, sindaco e consigliere comunale durante l'amministrazione Messinese

Corruzione: Procura di Gela chiede rinvio a giudizio per Siciliano e Torrenti, sindaco e consigliere comunale durante l'amministrazione Messinese

La Procura di Gela, a conclusione di ampia attività di indagine delegata ai Carabinieri della Sezione Operativa del Reparto Territoriale di Gela, ha esercitato l’azione penale con richiesta di rinvio a giudizio, nei confronti di Siciliano Simone, Torrenti Antonio, Mendola Manuele e Mendola Angelo per il reato di concorso in corruzione di cui all’art. 319 c.p..
I fatti risalgono al 2016 durante l’amministrazione del Sindaco Messinese, periodo in cui Siciliano e Torrenti, all’epoca Vice-Sindaco e Consigliere Comunale, ricevevano dai fratelli Mendola, titolari della ”Sital Impianti s.r.l.”, la somma di 160.000,00 euro per consentire l’acquisto della quota sociale del 40% della S.S.D. “Città di Gela”, all’epoca dei fatti in un grave stato d’insolvenza, promettendo in cambio l’aggiudicazione di appalti comunali, tra cui l’appalto relativo alla manutenzione dei pali dell’illuminazione pubblica.