Controlli dei carabinieri, tre segnalati fra Caltanissetta, Sommatino e San Cataldo

Controlli dei carabinieri, tre segnalati fra Caltanissetta, Sommatino e San Cataldo

CALTANISSETTA – Nel tardo pomeriggio, i carabinieri della Radiomobile, durante un servizio di controllo della circolazione stradale, hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della repubblica di caltanissetta, per porto di strumenti atti ad offendere, un 37enne del luogo. in particolare, in viale regina margherita, veniva fermata per un controllo un’autovettura “Alfa romeo” condotta da una donna nissena e, a seguito di perquisizione veicolare, veniva rinvenuto, occultato tra i sedili posteriori, un coltello a serramanico con la lama lunga 10 cm circa. il passeggero dell’autovettura, u.g., classe 1977, di caltanissetta, ammetteva ai militari operanti che il coltello era di sua proprieta’. per tale motivo e’ stato denunciato per violazione all’art. 4 della legge 152/1975.<br />A Sommatino, il 15 febbraio, alle ore 23.30 circa, i carabinieri della stazione di sommatino, durante una perquisizione domiciliare, hanno rivenuto nell’abitazione di un sommatinese, ben occultati sotto un’armadio, tre involucri di carta stagnola contenenti, complessivamente, tre grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana ed un flaconcino con all’interno alcuni semi di canapa indiana. il giovane e’ stato pertanto segnalato alla prefettura di caltanissetta, per violazione amministrativa, poiché facente uso di sostanze stupefacenti (art. 75 del dpr 309/1990).<br />A San Cataldo, alle 23.00 circa del 14 febbraio 2014, in piazza risorgimento, i carabineri della locale tenenza hanno sorpreso il sancataldese r.m., di anni 34, alla guida di un’autovettura “renault”, con tasso alcolemico pari a 1.10 g/l nella prima prova e 1,12 g/l nella seconda prova. l’uomo e’ stato pertanto denunciato in stato di liberta’ alla procura della repubblica di caltanissetta per guida in stato di ebbrezza alcolica (art. 186 co. 2 lettera b del c.d.s.), subendo anche il ritiro della patente.

Leave a comment

Rispondi