Conte: misure in vigore dal 4 dicembre. Per chi acquista con carte o app rimborsi fino a 150 euro

Conte: misure in vigore dal 4 dicembre. Per chi acquista con carte o app rimborsi fino a 150 euro

Il Premier Giuseppe Conte in diretta televisiva ha illustrato le misure in vigore dal 4 dicembre al 6 gennaio. Il premier ha aperto il suo intervento dicendo che grazie alle misure restrittive l’Rt in Italia è sceso a 0,91. Diminuiti anche i ricoveri e si spera che entro Natale tutte le regioni possano diventare gialle e si scongiuri così a gennaio un lockdown generalizzato. Le principali misure: Dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 divieto assoluto di spostamento tra regioni, tranne che per raggiungere la propria residenza, domicilio e per comprovate esigenze lavorative o di salute. Il 25 e 26 dicembre 2020 ed 31 dicembre e 1 gennaio 2021 ci si può muovere solo all’interno del proprio comune. Vietato raggiungere le seconde case  situate in una regione diversa dalla propria  dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021. Per le seconde case presenti nel proprio comune il divieto è valido anche per il 25 e 26 dicembre 2020 ed 31 dicembre e 1 gennaio 2021. Altra novità, riguarda i raduni nelle abitazioni private.  “In uno Stato democratico non possiamo entrare nelle case degli italiani ma è fortemente raccomandato non ospitare persone non conviventi» dichiara il premier.  Il coprifuoco è confermato dalle 22 alle 5 dal 4 dicembre e fino al 6 gennaio, mentre l’1 gennaio è fino alle 7 del mattino. Non ci saranno deroghe nei giorni di festa, l’orario di rientro nella propria abitazione sarà lo stesso anche a Natale, il 26 e il 31 dicembre, a Capodanno e il 6 dicembre, giorno dell’Epifania. Dopo quest’ora sarà possibile uscire dalla propria abitazione soltanto per «comprovate esigenze», che sono motivi di lavoro, di salute e di urgenza. Rimane anche il divieto di assembramento e l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto e al chiuso. I sindaci potranno emettere ordinanze per chiudere strade e piazze per evitare gli affollamenti anche nel corso della giornata, oppure prevedere ingressi contingentati in quelle aree di città e paesi dove c’è il rischio che si verifichino assembramenti. Il giorno di Natale, il 26 e il 31 dicembre e l’1 gennaio i ristoranti saranno aperti per il pranzo nelle zone gialle, mentre nelle rosse e arancioni è consentito l’asporto ed il servizio a domicilio.  Il Dpcm che entra in vigore il 4 dicembre conferma il divieto di aprire gli impianti da sci e introduce il divieto di aprire le piste. Una misura decisa per evitare «le vacanze sulla neve». La sera di Capodanno gli alberghi saranno aperti ma dovranno tenere chiusi i ristoranti interni: sarà consentita soltanto la consumazione in camera. Il divieto è stato inserito nel nuovo provvedimento sulle festività per impedire che le persone possano prenotare la stanza e poi organizzare feste e cenoni all’interno degli hotel, come del resto è già accaduto in numerose città e paesi. I negozi potranno rimanere aperti fino alle 21. La decisione di allungare l’orario è stata presa per scaglionare gli ingressi ed evitare file e assembramenti. Chiusi nel fine settimana e nei giorni festivi i centri commerciali e i grandi magazzini. Le scuole riapriranno il 7 gennaio. Conte ha poi dichiarato:” Dall’8 al 31 dicembre 2020, con l’Extra Cashback di Natale ti bastano 10 acquisti con carte di credito, carte di debito, Bancomat e Satispay per avere il 10% di rimborso, fino a un massimo di 150 euro che ti saranno accreditati nei primi mesi del 2021. In famiglia, ogni componente maggiorenne può partecipare, e i rimborsi possono essere cumulati. Ad esempio, una coppia può ottenere solo a dicembre 2020 fino a 300 euro e raggiungere a fine 2021 un rimborso complessivo di 900 euro. Per iniziare devi registrarti al Programma Cashback: Assicurati di avere SPID (la tua identità digitale) o in alternativa, puoi utilizzare la Carta di Identità Elettronica (CIE 3.0) abbinata al PIN che hai ricevuto al momento del rilascio. Scarica l’App IO: dopo aver scaricato e installato l’applicazione sul tuo smartphone o tablet, devi effettuare l’accesso tramite le tue credenziali SPID oppure con la tua CIE abbinata al PIN. Ovviamente non sono previsti in tale misura gli acquisti online”