"Contatori manomessi e allacci abusivi", rilevati 33 casi in un mese

"Contatori manomessi e allacci abusivi", rilevati 33 casi in un mese

"Un’azione quotidiana, costante, condotta con consapevolezza. L’attività di monitoraggio per l’accertamento di allacci abusivi alla rete idrica e di manomissione di sigilli e dei contatori dell’acqua sta proseguendo consentendo di delineare in maniera sempre più chiara i contorni di un fenomeno che, inevitabilmente, finisce con l’avere conseguenze sull’intero parco-utenze". E’ quanto fa sapere Caltaqua in una nota. "Nel solo ultimo mese le squadre di controllo di Caltaqua hanno individuato e debitamente segnalato alle Forze dell’ordine, per l’adozione di eventuali ulteriori provvedimenti, ben 33 casi di contatori manomessi e di allacci abusivi alla rete idrica. Dunque, facendo una sommaria media, in un solo mese ben oltre un caso portato alla luce per ogni giorno di lavoro. In questa azione di monitoraggio e controllo la società di gestione del servizio idrico non è sola: oltre al decisivo lavoro delle Forze dell’ordine, in diversi casi, infatti, sono state decisive le segnalazioni (debitamente riscontrate) di alcuni utenti regolari e, in maniera meno consistente, anche delle segnalazioni anonime". Caltaqua "ritiene utile rammentare che ogni allaccio abusivo, ogni contatore alterato, ogni sigillo indebitamente rimosso, ha un costo doppio per l’intera comunità degli utenti: quello necessario per portare alla luce le situazioni irregolari, con l’annesso iter per il recupero di quanto dovuto, e quello "indiretto" di pagare il conto anche per chi, in maniera fraudolenta, si sottrae a questo obbligo. Oltretutto gli allacci abusivi alla rete idrica rappresentano un illecito sia dal punto di vista della responsabilità civile che penale: gli autori rischiano una denuncia civile con sanzioni amministrative salate e denunce penali punite con reclusione e multa. L’azione di contrasto agli allacci abusivi di Caltaqua proseguirà a tutela, anche e soprattutto, di tutti gli utenti regolari"..

Leave a comment

Rispondi