Con la legge Delrio, i dipendenti della Provincia andrebbero a prendere il posto dei precari

I dipendenti dell’ex provincia regionale di Caltanissetta, occupano da giovedì scorso l’aula consiliare. Ieri, mercoledì 21 luglio, alcuni rappresentanti sono andati a Palermo per assistere alla seduta dell ‘Assemblea regionale siciliana che deve ancora approvare la riforma sui liberi consorzi comunali. Il presidente Ardizzone ha rassicurato i dipendenti dicendo che entro la fine di luglio, anche lavorando sabato e domenica, l’assemblea approverà la riforma. In pratica la legge Delrio non può essere applicata in Sicilia e deve essere riformata, perchè sono troppi i precari nell’isola e si scatenerebbe una guerra sociale. Infatti la legge prevede che i dipendenti provinciali messi in mobilità vengano assunti negli altri enti locali e ciò andrebbe a discapito dei precari che prestano servizio ormai da un ventennio. I dipendenti della provincia contrari a questa “guerra tra poveri” chiedono che le province con i lavoratori continuino a prestare i servizi di cui si sono sempre occupate, come viabilità, edilizia scolastica, servizi per i disabili, eliminando i soli costi della politica. [embed_video id=26325]