Canicattì: vaccini covid, anziani per ore in fila trovano la porta chiusa

Canicattì: vaccini covid, anziani per ore in fila  trovano la porta chiusa

A Canicattì gli anziani che dovevano effettuare la somministrazione della prima dose del vaccino anti Covid, sono stati in fila per ore all’ospedale Barone Lombardo per poi trovare la porta chiusa. Nonostante la normale registrazione effettuata sul portale gli anziani – una decina circa – hanno trovato la porta chiusa e sono dovuti ritornare a casa senza aver fatto il vaccino.  La testimonianza arriva direttamente da alcuni familiari: “Siamo arrivati alle 9:30 e c’erano già i nomi sistemati fuori per i turni ma era tutto chiuso a chiave. E nessuno del personale ha saputo spiegarci il motivo.” Sul caso è intervenuto anche il commissario straordinario dell’Asp di Agrigento, Mario Zappia: “C’è stato sicuramente un difetto di comunicazione. Mi scuso personalmente per quanto accaduto. Mi auguro che non accada più,  chiederò spiegazioni, devo capire cosa è accaduto. Perché abbiamo creato questo disagio a queste persone anziane. Chiedere scusa è il minimo che possiamo fare. Abbiamo sbagliato noi. Farò una telefonata di scuse e poi, per venire incontro a questi anziani, non li faremo più venire per fare il vaccino ma lo faremo a domicilio. Per cercare di limitare a loro il disagio, mi spiace davvero per ciò che è accaduto”.