Caltanissetta, sindaco chiede proroga zona Rossa, Fuschi: “Le chiusure non hanno abbassato i contagi ma impoverito la città”

Caltanissetta, sindaco chiede proroga zona Rossa, Fuschi: “Le chiusure non hanno abbassato i contagi ma impoverito la città”

Gianfranco Fuschi, diventeràbellissima dichiara: “Il Sindaco non può limitarsi a chiedere la proroga della zona rossa agendo come Ponzio Pilato. Se continuano i contagi vuol dire che le chiusure decretate non hanno inciso in positivo. Hanno solo impoverito una fetta notevole di cittadini. Il tessuto economico della città è alla canna del gas e la pazienza dei Nisseni é al limite. Non credo che i Nisseni siano stati meno attenti di altri, quindi le cause vanno ricercate altrove. Vediamo di capire quali sono le cause invece di far pagare ad alcune categorie un prezzo insopportabile che prima o poi pagherà tutta la città. Senza risultati soprattutto.”

La proroga della zona rossa è stata chiesta dal sindaco di Caltanissetta, Roberto Gambino, al Presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci. Questa mattina il primo cittadino ha presieduto il centro operativo comunale. “I dati sono veramente allarmanti e l’indice di contagio di gran lunga superiore ai 250 su 100.000 abitanti. Dopo 20 giorni di zona rossa i contagi non accennano a diminuire, sono molto preoccupato”dice il sindaco.

“Considerato che dal report inoltrato dall’Asp di CALTANISSETTA si evidenzia, nella settimana dal 28 Marzo al 03 Aprile 2021, nonostante le misure precauzionali adottate, un andamento dei contagi in Città esponenzialmente crescente ed in particolare sono stati registrati n. 244 nuovi casi – scrive Gambino nella richiesta a Musumeci – Che alla luce dei predetti dati l’attuale indice percentuale è pari allo 0,40%, per cui risulta un’incidenza cumulativa settimanale dei contagi per ogni 100.000 abitanti nettamente superiore allo 0,25%, dato indicato quale limite per l’applicazione delle misure stabilite per la zona rossa dai provvedimenti nazionali in tema di contenimento e contrasto del Covid-19  che non si riscontra alcuna diminuzione dell’indice di contagiosità e piuttosto si continua ad evidenziare un andamento dei contagi ancora fortemente progressivo, per cui in esito alla riunione del Coc tenutasi in data 5 Aprile 2021 si è concordato sulla necessità dell’ulteriore proroga delle misure in atto vigenti”.