Caltanissetta, Samanda Sollami: “ In 7 in casa positivi al Covid, chi di dovere non ci aiuta. Siamo in guerra non conta l’Isee. Ringrazio chi è presente”

Caltanissetta, Samanda Sollami: “ In 7 in casa positivi al Covid, chi di dovere non ci aiuta. Siamo in guerra non conta l’Isee. Ringrazio chi è presente”

Samanda Sollami, 43 anni di Caltanissetta sta vivendo e ha vissuto difficili momenti a causa del covid. Positivi lei, il marito e i 5 figli. Chiusi in casa, ovviamente tutti,  insieme al cane. A parte la febbre e i dolori alle ossa e ai muscoli che oggi fortunatamente sono passati, hanno avuto difficoltà come tanti altri nisseni in quarantena: “ Mio marito è uno stipendiato ma in sette chiusi a casa con la spesa acquistata online non è  facile, quanto può durare uno stipendio non elevato se puoi comprare solo su internet? Siamo in guerra e in guerra bisogna aiutarci tutti e non tenere conto dell’Isee. È importante la rete di solidarietà soprattutto quando stando a casa si e’ impossibilitati a fare tutto, ad andare in farmacia, a fare la spesa, a conferire la differenziata a far uscire il cane! Chi di dovere non ci ha aiutati ma tante altre persone e associazioni Si restando in anonimato senza farsi pubblicità”. Samanda Sollami che da anni si occupa di volontariato con l’associazione Dona per un sorriso onlus, aggiunge: “Siamo in un’epoca in cui il cellulare non manca mai nella nostra tasca, sentendo sempre il desiderio di documentare ciò che ci succede, però vediamo solo quello che vogliamo vedere, non quello che realmente abbiamo davanti agli occhi, indipendentemente dalla verità, io non guardo in faccia a nessuno ma gli adulatori non mi sono mai piaciuti, e anzi bisogna anche saperlo fare però mi rendo conto che adulatori è lecchini vanno avanti, hanno benefici da chi in questo momento è in primo piano, lasciando credere di fare molta beneficenza.  A Caltanissetta la beneficenza sì è sempre fatta ma non in questo modo….Molte volte in silenzio e senza palcoscenico.. İo personalmente da umile cittadina e da umile volontaria da tanti anni ringrazio tutte le parrocchie e i volontari che giornalmente e da anni si mettono a rischio senza essere mai nominati…. ringrazio varie associazioni che giornalmente consegnano beni di prima necessità a tante famiglie in questo momento chiuse a casa per positività e ringrazio soprattutto i cittadini che anche quest’anno hanno portato sorrisi  a tanti bambini che in questo brutto periodo il loro sorriso è di sofferenza..Grazie, da una semplice cittadina che vive il COVİD con i propri bambini e riceve aiuto da questi angeli non sicuramente da chi di dovere. “