Caltanissetta: Riunione in Prefettura per l’avvio della campagna prevenzione incendi boschivi  

Caltanissetta: Riunione in Prefettura per l’avvio della campagna prevenzione incendi boschivi  

In vista dell’imminente inizio della stagione estiva, nel pomeriggio di ieri, presso il Palazzo del Governo, presieduta dal Prefetto Chiara Armenia, si è svolta la riunione finalizzata a definire gli interventi da attuare per garantire un’efficacie azione di prevenzione e contrasto degli  incendi boschivi.

La riunione di monitoraggio è stata indetta in queste prime giornate di maggio nella consapevolezza di dover predisporre, per tempo, i dispositivi di prevenzione cui sono chiamati tutti i soggetti istituzionali coinvolti: Sindaci, Forze dell’Ordine, Vigili del Fuoco, Ispettorato Ripartimentale delle Foreste e Associazioni di volontariato.

In apertura, il Prefetto ha chiarito che obiettivo del confronto è quello di mettere in rilievo le strategie che nelle precedenti stagioni hanno funzionato positivamente e quelle che, invece, hanno manifestato alcune criticità su cui, pertanto, si rende necessario intervenire con una strategia di implementazione e con più efficaci soluzioni operative volte a migliorare la sinergia tra i soggetti istituzionali in campo.

Nella circostanza i Sindaci, sulla scorta dell’esperienza positiva degli scorsi anni, hanno dato atto di aver già programmato tutte le azioni per la riduzione del rischio – anche solo potenziale, di innesco e di propagazione delle fiamme – tra cui le tradizionali operazioni di scerbatura dei cigli stradali, prestando particolare cura alle fasce perimetrali delle zone antropizzate.

I rappresentanti delle amministrazioni locali, peraltro, hanno rappresentato di aver intrapreso diversi percorsi di collaborazione con le associazioni di volontariato che potranno concorrere nella campagna antincendio prestando il loro contributo in termini di osservazione e avvistamento dei focolai.

Nell’ottica di una proficua azione di prevenzione, l’incontro è stato occasione per sollecitare l’aggiornamento dei piani comunali di protezione civile, con particolare riferimento agli incendi di interfaccia e per ricordare l’importanza che assume l’adozione da parte degli Enti locali delle consuete ordinanze rivolte alla popolazione e finalizzate a dettare le norme di comportamento indefettibili per ridurre al minimo il rischio incedi.

Al riguardo, peraltro, si è sottolineato come la formale adozione dell’ordinanze debba essere affiancata da una rigorosa attività di controllo da parte del personale delle Polizie municipali sull’effettivo rispetto delle predette misure, con l’adozione di provvedimenti sanzionatori nei confronti dei contravventori.

Al termine della riunione il Prefetto ha rimarcato che saranno impartite, a tutti i soggetti interessati, precise direttive in ordine ai diversi dispositivi da attuare sia sul piano della prevenzione che su quello del controllo del territorio.

In particolare, analoga sollecitazione sarà inviata al Libero Consorzio, ad ANAS e RFI affinché provvedano a porre in essere tutti quegli interventi utili, quali rimozione della vegetazione erbacea, per evitare il propagarsi di incendi che potrebbero interessare la rete viaria con grave pregiudizio degli automobilisti. In questa stessa direzione, anche i gestori delle riserve riceveranno precisi richiami di attenzione circa il corretto adempimento degli obblighi di conservazione delle aree naturali protette.

In conclusione, il Prefetto ha formulato un invito esplicito ai rappresentanti dei comuni presenti ad intraprendere un’intesa campagna di sensibilizzazione delle rispettive comunità locali al rispetto e alla tutela dell’ambiente e a segnalare qualunque tipo di focolaio al numero unico per le emergenze 112.