Caltanissetta, polizia di Stato. Dati consuntivi attività 2018

Caltanissetta, polizia di Stato. Dati consuntivi attività 2018

Stamane il Questore Giovanni Signer, nel corso di una conferenza, tenuta alle ore 10.15 in
Questura, alla quale hanno partecipato il portavoce vice questore Felice Puzzo e il responsabile
dell’ufficio stampa sostituto commissario Salvatore Falzone, ha incontrato la stampa per presentare
i dati consuntivi dell’attività istituzionale svolta dalla Polizia di Stato nella provincia nel corso del
2018.
ATTIVITA’DI PREVENZIONE
Servizi di ordine pubblico
Nel 2018 nella provincia di Caltanissetta, per rendere sicuro lo svolgimento di eventi
(manifestazioni sportive, politiche, di protesta, religiose) e, in attuazione delle direttive del Prefetto,
il Questore ha disposto servizi di ordine e sicurezza pubblica con 1009 ordinanze.
Di queste, 80 (cioè il 12%) sono state necessitate dalle esigenze del Centro per immigrati di Pian del
Lago, per i servizi all’interno del Centro e per quelli degli accompagnamenti alla frontiera degli
stranieri irregolari destinatari di decreto di espulsione.
I servizi di ordine pubblico sono stati assicurati dall’impiego complessivo di 8.124 poliziotti, oltre
ai militari delle altre Forze dell’ordine.
Tra i servizi che sono stati disposti si evidenziano quelli assicurati per le elezioni amministrative e
le manifestazioni tenute presso il MUOS di Niscemi, Giro d’Italia.
Controllo del territorio
Forte l’impulso al controllo del territorio, garantito a mezzo delle Volanti della Questura di
Caltanissetta e dei Commissariati di Gela e Niscemi, e alle pattuglie di rinforzo assicurate dal
Dipartimento della Pubblica Sicurezza dei Nuclei Prevenzione Crimine di Palermo e Catania.
Servizi straordinari sono stati mirati per contrastare fenomeni illegali che avevano destata
particolare allarme sociale, nel Capoluogo, a garanzia della sicurezza nel centro storico, e a Gela.
In particolare, nei quartieri del centro storico del capoluogo (Provvidenza – Saccara), sono stati
svolti ripetuti e costanti controlli antidroga che hanno consentito di sequestrare 2,537 chilogrammi
di marijuana, 10,647 chilogrammi di hashish, 17,8 grammi di cocaina e 5,9 grammi di eroina;
arrestare 20 spacciatori, denunciarne 23 e segnalare amministrativamente 64 soggetti per
consumo di stupefacenti.
Per quanto concerne il dato complessivo, nel corso del 2018, in tutto il territorio della provincia la
Polizia di Stato ha sequestrato 250,509 chilogrammi di sostanze stupefacenti (236,545
chilogrammi di marijuana, 13,281 chilogrammi di hashish, 62 grammi di cocaina e 6,3 grammi di
eroina) e 4.515 piante di marijuana.
Infine, dal mese di settembre, con l’operazione “Scuole sicure”, disposta con direttiva del
Ministero dell’Interno, analoghi controlli antidroga sono stati svolti settimanalmente presso gli
istituti scolastici del capoluogo, di Gela e Niscemi al fine di prevenire e contrastare lo spaccio di
sostanze stupefacenti tra i giovani.
– 8.311 (+9%) gli interventi delle Volanti di Caltanissetta, Gela e Niscemi, che hanno percorso
nel controllo del territorio 243.921 chilometri.
– 48.134 le persone controllate.
– 105.121 (+60%) i veicoli controllati, grazie all’utilizzo delle nuove dotazioni tecnologiche.
Misure di prevenzione di competenza del Questore e attività di componimento bonario dei dissidi
privati
– 38 avvisi orali;
– 29 (+45%) fogli di via obbligatori emessi, con divieto di fare ritorno in località della
provincia di Caltanissetta, provvedimenti raddoppiati rispetto al 2017;
– 9 i D.A.S.P.O. comminati in occasione di incontri di calcio;

2

– 10 (+60%) ammoniti per stalking e per maltrattamenti in famiglia (sono 16 le richieste di
ammonimento pervenute).
71 sono gli esposti presentati al Questore per il componimento dei privati dissidi (13 a Caltanissetta,
49 a Gela, 9 a Niscemi).
DELITTUOSITA’
Nel corso del 2018 sono stati denunciati 2.848 delitti, dato che fa registrare un lieve calo rispetto
all’anno precedente (-2%). Tra quelli in calo si registrano: 1.178 furti (-4% rispetto al 2017); 13
rapine (-50%), 25 ricettazioni (-25%) e 320 danneggiamenti (-4%). Tra quelli in aumento: 18
estorsioni (+28%); 80 reati concernenti gli stupefacenti (+29%) e 297 truffe e frodi informatiche
(+30%).

ATTIVITÀ DI CONTRASTO
Arresti:
137 le persone arrestate, tra le quali si evidenziano:18 per associazione di tipo mafioso, 41 per
reati concernenti gli stupefacenti, 23 per reati contro il patrimonio (furti, ricettazioni, rapine e
estorsioni), 30 su provvedimento dell’A.G. per espiazione di pena e 24 per altri reati.
Denunce in stato di libertà (di autori di reati individuati dalla Polizia di Stato o perché a questa
denunciati da privati o enti):
685 le persone denunciate, tra le quali si evidenziano: 63 per furto, 60 per lesioni personali, 74 per
minacce, 16 per ricettazione, 34 per reati concernenti gli stupefacenti, 23 per truffe e frodi, 30 per
danneggiamento, 5 per rapina.
Criminalità straniera:
– 27 gli stranieri arrestati (tra cui 19 per reati concernenti gli stupefacenti)
– 78 gli stranieri denunciati (tra cui 7 per reati contro il patrimonio e 21 per reati concernenti
gli stupefacenti).
Criminalità minorile:
– 25 i minori arrestati (tra cui 9 per reati contro il patrimonio, 7 per reati concernenti gli
stupefacenti);
– 55 i minori denunciati in stato di libertà (tra cui 8 per reati contro il patrimonio, 3 per reati
concernenti gli stupefacenti).
Attività di polizia giudiziaria
Le più importanti operazioni di polizia giudiziaria portate a termine dalla Squadra Mobile e
dai Commissariati di Gela e Niscemi:
– 27 febbraio, operazione di polizia giudiziaria del Commissariato di Niscemi, con arresto in
flagranza di un soggetto responsabile della detenzione illegale di un fucile sovrapposto marca
Benelli, una pistola a salve modificata, 10 cartucce cal 6.35 e 17 cartucce cal. 12;
– 1 marzo, operazione di polizia giudiziaria “Diabolik” del Commissariato di Gela, con arresto di
tre soggetti in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il
Tribunale di Gela per concorso in furto aggravato;
– 8 marzo, operazione di polizia giudiziaria “Revenge II” della Squadra Mobile, con arresto – per
un cold case – di un soggetto in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal
GIP presso il Tribunale di Caltanissetta per omicidio;
– 12 aprile, operazione di polizia giudiziaria “Cavallo di ritorno” del Commissariato di Gela, con
arresto di nove soggetti in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP
presso il Tribunale di Gela per associazione per delinquere finalizzata a furti di ciclomotori e
motocicli;

3

– 26 aprile, operazione di polizia giudiziaria “Mutata arma” della Squadra Mobile, unitamente al
Commissariato di Gela, con arresto di dieci soggetti in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare
in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Caltanissetta per associazione di tipo mafioso
finalizzata al traffico e alla detenzione di sostanze stupefacenti e al traffico illegale di armi;
– 4 maggio, operazione antidroga del Commissariato di Niscemi, con arresto in flagranza di due
soggetti responsabili di detenzione ai fini di spaccio di 202 chilogrammi di marijuana e 4500
piante dello stesso stupefacente, scoperti all’interno di una serra agricola, sequestrati anche una
pistola Beretta cal. 9×21 con matricola abrasa e 15 cartucce dello stesso calibro;
– 14 maggio, operazione di polizia giudiziaria “Double face” della Squadra Mobile, con arresto di
sei soggetti in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il
Tribunale di Caltanissetta per associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, all’accesso
abusivo a sistemi informatici e alla rivelazione di segreti d’ufficio;
– 26 maggio, operazione antidroga dei Commissariati di Gela e Niscemi, con arresto di due soggetti
responsabili di detenzione ai fini di spaccio di 16 chilogrammi di marijuana;
– 13 luglio, operazione di polizia giudiziaria “Fast and furios” del Commissariato di Gela, con
arresto di undici soggetti in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP
presso il Tribunale di Gela per associazione per delinquere finalizzata alla commissione di reati
contro il patrimonio;
– 5 agosto, arresto da parte del Commissariato di Niscemi e della DIGOS, presso la base Muos di
contrada Ulmo in Niscemi, di un noto antagonista in esecuzione a un provvedimento per espiazione
di pena definitiva, di mesi 11 e giorni 27 di reclusione, emesso dalla Procura della Repubblica di
Gela per danneggiamento di installazioni militari e accesso arbitrario in luogo in cui l’accesso
è vietato nell’interesse militare;
– 18 agosto, operazione di polizia giudiziaria del Commissariato di Gela, con arresto di due soggetti
in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di
Gela per furto in appartamento;
– 25 settembre, operazione di polizia giudiziaria della Squadra Mobile, con arresto di un minore in
esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale per i
minorenni di Caltanissetta per violenza sessuale in danno di una minore di anni 15, minacce,
stalking e danneggiamento seguito da incendio;
– 30 settembre, operazione di polizia giudiziaria del Commissariato di Niscemi, con arresto in
flagranza di un soggetto responsabile di detenzione illegale di un fucile cal.12, una pistola cal.7,65
Bernardelli e 486 munizioni di diverso calibro;
– 23 ottobre, operazione antidroga del Commissariato di Niscemi, con arresto in flagranza di tre
minorenni responsabili di detenzione ai fini di spaccio di 8,5 chilogrammi di marijuana;
– 26 ottobre, fermo di indiziato di delitto di un soggetto gravato da precedenti di polizia per reati
contro il patrimonio, la persona e in materia di stupefacenti poiché indiziato dell’incendio al Bar
Lory di Gela;
– 11 dicembre, operazione di polizia giudiziaria “Balla coi lupi” del Commissariato di Gela, con
arresto di quattro soggetti in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal
GIP presso il Tribunale di Gela per associazione per delinquere finalizzata alla frode in
pubbliche forniture e caporalato;
– 11 dicembre, operazione di polizia giudiziaria del Commissariato di Niscemi, con arresto in
flagranza di un soggetto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di 1,5 chilogrammi di
marijuana e fabbricazione e detenzione illegale di 2 armi clandestine e 8 cartucce cal.12.
Misura di prevenzione patrimoniali
La Divisione Polizia Anticrimine lo scorso 18 giugno, su provvedimento dell’Autorità
Giudiziaria, ha proceduto alla confisca definitiva di beni per oltre 130 mila euro a Niscemi, ai
sensi della normativa antimafia, nei confronti di Giugno Giancarlo Maria Lucio (un fabbricato e tre
macchie agricole).

4

POLIZIA AMMINISTRATIVA E DELL’IMMIGRAZIONE
La Divisione Polizia Amministrativa e Sociale ha:
– eseguito 152 controlli su esercizi commerciali (+2%), sanzionandone 32 (+50%) e
sospendendo l’attività a 2 di essi nel Capoluogo, in quanto vi si somministrava alcol a
minori,
– denunciato nel capoluogo il titolare di una sala da ballo per inosservanza delle prescrizioni
imposte dal Questore con la licenza di autorizzazione. Di seguito a un controllo gli agenti
all’interno della sala da ballo hanno trovato quasi il triplo di persone rispetto alla capienza
massima autorizzata.
– ritirate a titolo cautelare 70 armi (+40),
– rottamate 151 armi,
– rilasciati 3816 passaporti (+35%),
– porto d’armi rilasciati (per uso caccia/sportivo) 815.
Al 2018, gli stranieri extracomunitari anagraficamente residenti nella provincia di
Caltanissetta sono 6.839 (+7%) dei quali:
– 4.518 (+5%) nel capoluogo,
– 599 (-15%) a Gela,
– 219 (+15%) a Niscemi
– 1.503 (+27%) negli altri comuni della provincia.
Nel corso del 2018 l’Ufficio Immigrazione ha:
– emesso 2.770 permessi di soggiorno (825 per richiesta di asilo, 104 per status di rifugiato,
234 per protezione sussidiaria, 586 per motivi umanitari, 281 per motivi familiari e 299 per
lavoro subordinato e autonomo);
– notificato a 88 (+50%) cittadini extracomunitari decreto di espulsione del Prefetto, perché
trovati in posizione irregolare in provincia di Caltanissetta;

COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE
La Polizia di Stato, attraverso il Portavoce, ha avviato iniziative volte a promuovere uno
spirito di costruttiva collaborazione con i cittadini e gli studenti delle scuole, traducendo nei fatti il
concetto di "Polizia di Prossimità".
Tra dette iniziative, il 7 marzo, si è svolta a Caltanissetta la 20^ tappa del "truck della Polizia
Postale", nell'ambito della quinta edizione della campagna itinerante di educazione alla legalità
“Una vita da social”, realizzata dalla Polizia di Stato e dal MIUR, nell'ambito del progetto
Generazioni Connesse del Safer Internet Center Italia, sulla sensibilizzazione e prevenzione dei
rischi e pericoli della Rete. L'evento si è svolto in Corso Umberto I dove gli specialisti della Polizia
Postale e delle Comunicazioni e i poliziotti della Questura hanno incontrato 160 ragazzi di sedici
istituti secondari, di primo e secondo grado del capoluogo, accompagnati dai rispettivi docenti.
Numerosi gli incontri e le conferenze, circa 50, che appartenenti della Polizia di Stato hanno
tenuto, nel corso del 2018 nelle scuole e presso altri enti o sedi istituzionali, sia del capoluogo che
della provincia, su diversi temi di educazione alla legalità e sui fenomeni della parità di genere,
dispersione scolastica, consumo di alcol e droga, bullismo, cyberbullismo e uso consapevole delle
rete internet.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Friends link: Windows-7-Ultimate-key Windows-7-Ultimate-key-sale Windows-7-Ultimate-key-online-sale buy-Windows-7-Ultimate-key windows-7-professional-key purchase-windows-7-professional-key windows-7-professional-key-sale windows-7-professional-key-cheap windows-7-professional-key-shop-online buy-windows-7-professional-key
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com