Caltanissetta: diritto al vaccino negato a persone vulnerabili per cattiva gestione delle piattaforme di prenotazione

Caltanissetta: diritto al vaccino negato a persone vulnerabili per cattiva gestione delle piattaforme di prenotazione

Nicolò Occhipinti scrive: Vi segnalo gravi mancanze dell’ASP di Caltanissetta nei confronti di persone estremamente  vulnerabili cui viene negato il diritto a prenotare il vaccino anti Covid: i nominativi non vengono riconosciuti dalla piattaforma di prenotazione ufficiale a causa del mancato aggiornamento del database ad esso collegatoDopo averlo segnalato alle email predisposte, al call center, ma anche al Commissario nazionale per l’emergenza Covid, all’assessorato della Regione Siciliana, al direttore generale dell’ASP di Caltanissetta, ancora oggi non ho risposta né risoluzione al problema. Spero possiate dare ampia diffusione a questo episodio, che leggo da più parti non essere un caso isolato, nella speranza che serva a indurre gli amministratori e i politici a dedicare la dovuta attenzione alla effettiva realizzazione di quanto viene da loro enfaticamente annunciato su tutti i canali di comunicazione e alla difesa dei diritti, alla salute e, in questo caso, alla vita dei più deboli.
Ecco i dettagli:

Dal 15 marzo scorso provo a registrare mio fratello, persona con patologia che rientra nell’elenco ufficiale dei codici esenzione della Regione Siciliana, al portale di prenotazione ufficiale di Poste Italiane https://prenotazioni.vaccinicovid.gov.it/  

Riprovo ogni giorno senza successo. 

Chiamo l’800 00.99.66, mi dicono che non possono fare nulla per inserirlo in database e neanche possono inoltrare alcuna segnalazione. Praticamente il call center non può dare altro supporto se non a chi non possiede un computer o non lo sa usare.

Il 23 marzo scrivo un’email a vaccinazioniaspcaltanissetta@asp.cl.it, ricevo una risposta automatica che indica di registrare la persona sul portale parallelo dell’ASP https://cittadini.asp.cl.it (attivo appunto dal 23 marzo 2021). Neanche il call center aveva saputo darmi questa informazione. Lo registro, inserisco richiesta di prenotazione e allego anche il certificato che dimostra la patologia di mio fratello, certificato che mi era stato rilasciato dalla stessa ASP e che quindi ho digitalizzato io per loro. Pur essendo dichiarato in questo portale che “Sarà poi compito dell’ Asp di Caltanissetta fornire risposte agli utenti entro le 24 ore dalla ricezione della richiesta e programmare la vaccinazione anti-Covid.”, nella realtà non ricevo alcuna risposta nei giorni seguenti, e il portale di Poste continua a non riconoscere mio fratello come estremamente vulnerabile. 

Da notare come il portale di ASP non visualizzi l’andamento dello stato della richiesta, e non riporti alcun tipo di contatto email o comunque supporto online, lasciando nell’incertezza e nello sconforto i cittadini.

Il 25 marzo scrivo una PEC al Commissario straordinario per l’emergenza per spiegare il problema, l’indomani mi risponde che la “segnalazione è stata estesa alla Regione Sicilia – Referente Piano vaccinale”.

Il 27 marzo scrivo una PEC al Dir. Generale dell’ASP di Caltanissetta Dott. Ing. Alessandro Caltagirone, protocollo.asp.cl@pec.asp.cl.it, ma anche dopo solleciti ancora oggi non ho ricevuto alcuna sua risposta.

Il 29 marzo scrivo una PEC all’Assessorato della salute della Regione Siciliana, dipartimento.attivita.sanitarie@certmail.regione.sicilia.it, ma anche dopo solleciti ancora oggi non ho ricevuto alcuna loro risposta.

Nel frattempo, viene annunciata dalla Regione Siciliana il via prenotazioni per i cittadini dai 65 ai 69 anni, che sicuramente passeranno avanti in quanto è facile identificare la fascia d’eta dal codice fiscale, al contrario dell’identificazione dei cittadini con patologie che richiedono un livello di organizzazione e digitalizzazione superiore.

Intanto mio fratello che è estremamente vulnerabile resta in attesa di potere accedere al portale. Forse riuscirà a farlo un giorno, ma solo rientrando in una delle prossime fasce d’età ammesse, per un vaccino di tipologia non adatto a lui. 

Sperando di fare in tempo a non contagiarsi o eventualmente a morire a causa di un database non aggiornato.