Caltanissetta, 206° anniversario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri

Caltanissetta, 206° anniversario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri

Quest’anno, in considerazione delle note restrizioni vigenti a causa dell’emergenza epidemica in corso, la Festa dell’Arma si è svolta in forma ridotta, all’interno della Caserma “Guccione”, sita in questo viale Regina Margherita.
Alla presenza del Dott. Massimo Signorelli, Prefetto Vicario di Caltanissetta, alle ore 10.00 si è tenuta la cerimonia dell’Alzabandiera e a seguire l’omaggio ai caduti, con la deposizione di una corona presso il monumento interno alla caserma.
L’anniversario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri è il momento per ricordare la I^ Medaglia d’Oro al Valore Militare alla sua Bandiera concessa per il contributo offerto dai Carabinieri alla vittoria delle armi Italiane nel I° Conflitto Mondiale, così motivata: “Rinnovellò le sue più fiere tradizioni con innumerevoli prove di tenace attaccamento al dovere e di fulgido eroismo, dando validissimo contributo alla radiosa vittoria delle armi d’Italia”.
In Sicilia i Carabinieri fecero la loro prima apparizione subito dopo l’impresa dei Mille, che portò Garibaldi ad assumere la dittatura in nome del Re d’Italia. Nelle città liberate dalle forze garibaldine, essendo necessario provvedere ai servizi di polizia, fu costituito un apposito ed autonomo reparto, i “Carabinieri Reali di Sicilia”, i cui effettivi vennero arruolati fra la popolazione dell’Isola, inquadrati da Ufficiali e sottufficiali provenienti dal Corpo dei Carabinieri Reali. In seguito all’esito positivo del plebiscito di annessione, la Sicilia si unì al costituendo Stato Unitario e fu possibile estendervi il servizio dei Carabinieri Reali oramai italiani. Nel dicembre del 1860, dopo un breve periodo di coesistenza, i 2 corpi si fusero e fu costituita la Legione di Palermo, primo Comando di Corpo dell’Isola, un anno prima dell’unificazione dell’Italia.
La cerimonia è stata effettuata in questo giorno per tutti i Comandi dell’Arma alla medesima maniera.
Particolarmente impegnativi sono stati, insieme alle altre Forze di Polizia, con il coordinamento della Prefettura, i servizi connessi alla nota esigenza epidemica. In particolare l’Arma ha effettuato nr. 3920 servizi, controllato 22438 persone e 16074 veicoli, ed elevato 1027 sanzioni connesse al contenimento del contagio da Covid-19.
Nell’anno trascorso, dalla lettura dei dati statistici, in provincia di Caltanissetta (dati comuni a tutte le forze di polizia) si è avuta una diminuzione dell’attività delittuosa del 10%, infatti:
giugno 2018- giugno 2019 reati perseguiti 7856 totale delitti scoperti 2734
giugno 2019 – giugno 2020 reati perseguiti 7011 totale delitti scoperti 2813 (+2,9%)

Sintomo, questo, che lo sforzo congiunto delle Forze dell’Ordine ha avuto riscontri positivi sotto il profilo della prevenzione.