Avanguardia Caltanissetta propone estensione orario di apertura della biblioteca Scarabelli

Da più di una settimana l’associazione “Avanguardia Caltanissetta” coordinata da Fabrizio Parla sta
portando avanti una raccolta firme grazie all’aiuto di un folto gruppo di giovani e rappresentanti delle
scuole e Università. Le proposte riguardano una serie di iniziative per la Biblioteca Scarabelli
nell’augurio che l’amministrazione comunale ne possa fare tesoro.
Necessario appare il miglioramento dei servizi al fine di incoraggiare il numero di persone che ogni
giorno necessitano di un luogo silenzioso dove studiare ed in cui si dia libero accesso ai testi da
consultare. Avanguardia pertanto con un lungo confronto e visite alla biblioteca chiede fortemente
l’avvio dell’orario continuato, dal lunedì al venerdì, in modo da consentire ai frequentanti una migliore
organizzazione del “tempo-studio” e la loro permanenza in loco dalle ore 9:00, attuale orario di
apertura, fino alle ore 20 programmando un graduale prolungamento dell’orario di chiusura sino alla
mezzanotte, così come applicato in varie amministrazioni comunali e istituzioni in tutto il territorio
italiano anche siciliano. Abanguardia propone anche il servizio di consegna a domicilio dei libri per
coloro i quali sono, occasionalmente o permanentemente, impossibilitati a spostarsi dal luogo nel
quale risiedono; ciò permetterebbe alle persone più anziane ed invalide di accedere ad un servizio
quanto mai importante per una società civile.
Inoltre, dovrebbe essere implementato un servizio “on-line” di ricerca, consultazione e prenotazione
dei testi, ove essi siano disponibili; in questo modo si favorisce l’efficienza e l’efficacia del servizio nel
suo complesso.
Queste attività potrebbero essere svolte con l’aiuto valido e qualificato di giovani universitari e non,
formati proprio per attività di assistenza ai servizi bibliotecari consentendo loro un’attività di stage
con rimborso spese o di part-time con conseguente potenziamento di un servizio e le conseguenti
economie di scala ottenute.
Tali misure accrescerebbero il potenziale dell’intera struttura, andando a colmare un gap
organizzativo fornendo validi servizi e dando ai giovani e meno giovani più motivi per frequentare il
nostro centro storico. Tra i primi firmatari della proposta i componenti di Avanguardia : Tommaso
Mancuso, Andrea Pranio, Adriano Scribani, Andrea Zigarelli, Chiara Ferrara, Ferdinando Cammarata,
Davide Salerno, Diletta Mattina, Gaetano Vassallo, Giorgia Moscarelli, Luigi Salvaggio, Martina
Giordano, Michele Saetta e Vincenzo Carbone.