Asp Caltanissetta, la Cisl Fp incontra la governance: “Fiduciosi importanti passi avanti sui precari e sulle assunzioni”

Asp Caltanissetta, la Cisl Fp incontra la governance: “Fiduciosi importanti passi avanti sui precari e sulle assunzioni”

Proficuo incontro della Cisl Fp delle province di Agrigento, Caltanissetta ed Enna con il direttore generale dell’Asp di Caltanissetta Alessandro Caltagirone, il direttore amministrativo Pietro Genovese e il direttore sanitario Marcella Santino. Presenti per il sindacato erano il segretario territoriale delle province di Agrigento, Caltanissetta ed Enna Giovanni Luca Vancheri e il segretario aziendale Antonino Guagenti.

Al centro del confronto alcuni temi centrali per il sindacato come le stabilizzazioni dei precari, l’adozione del piano del fabbisogno del personale, l’avvio delle procedure di mobilità e concorsuali, la contrattazione decentrata, l’applicazione di tutti gli istituti economici e giuridici previsti per i lavoratori, oltre che la redazione di regolamenti chiari (come sulla mobilità interna e sugli incarichi di funzione), e la gratificazione anche i bassi profili attualmente in servizio presso l’Asp. Il tutto nell’ottica di una migliore erogazione delle prestazioni sanitarie.

“La linea fin qui condotta da parte del sindacato – spiega Vancheri – è stata quella di una collaborazione propositiva nei confronti della governance, atteggiamento ancora più richiesto oggi, in un periodo storico emergenziale a causa della pandemia. In tal senso riteniamo quindi positive le azioni fin qui poste in essere, basti pensare che proprio in questi tempi difficili sono stati compensati 4 anni di inerzia provvedendo all’erogazione di quanto dovuto ai lavoratori, alla definizione delle stabilizzazioni e il ristabilimento delle corrette relazioni sindacali. Non possiamo non essere fiduciosi quindi – continua Vancheri – che saranno mantenute le risorse umane impiegate, che sarà ulteriormente potenziata l’attività di vaccinazione e sarà proposto un piano del fabbisogno e della gestione emergenza Covid che possa finalmente dare respiro e certezza lavorativa senza alcuna sperequazione”