Arrestato operaio licatese che “arrotondava lo stipendio” con lo spaccio

Arrestato operaio licatese che “arrotondava lo stipendio” con lo spaccio

I Carabinieri della Sezione Operativa di Licata hanno arrestato, ieri, un licatese di 35 anni, sorpreso a spacciare marijuana ad un coetaneo, nel centro storico della città.

In un tranquillo pomeriggio nel centro di Licata,  una pattuglia della Sezione Operativa di Licata, ben mimetizzata fra i passanti e i giovani che in questi giorni tornano a godersi le belle giornate di sole all’aria aperta, ha notato due uomini, in posizione defilata, che si stavano scambiando qualcosa. I militari hanno deciso di avvicinarsi con circospezione, e poco dopo sono riusciti a bloccare uno dei due, che stava provando a disfarsi di un piccolo involucro contenente marijuana, dopo che evidentemente era fallito il tentativo di venderla all’acquirente, messo in fuga dall’arrivo dei militari. I Carabinieri hanno quindi deciso di proseguire la loro ricerca e si sono spostati a casa dell’uomo, un imbianchino licatese di 35 anni. La ricerca è stata decisamente fruttuosa: dal pensile della cucina, nascosti fra i generi alimentari, sono saltati fuori altri 135 grammi di marijuana.

I Carabinieri hanno così arrestato il pusher con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio e lo hanno sottoposto agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida. La droga, che avrebbe fruttato all’operaio più di 500 euro, sarà analizzata e poi distrutta.