Armi e stupefacenti nel quartiere Scavone a Gela

Armi e stupefacenti nel quartiere Scavone a Gela

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Gela unitamente all’unità cinofila di Palermo-Villagrazia hanno eseguito dalle prime luci dell’alba una serie di perquisizioni domiciliari nel quartiere Scavone di Gela. I controlli dei Carabinieri, coadiuvati dall’unità cinofila “Lillo”, hanno permesso il rinvenimento di armi e stupefacenti all’interno di varie abitazioni delle palazzine di Piazza Aldo Moro e Viale Indipendenza. Un giovane diciannovenne gelese è stato deferito a piede libero alla Procura della Repubblica di Gela poiché sul proprio balcone aveva organizzato una coltivazione di marijuana, che al momento dell’ingresso dei militari aveva già fruttato tre piantine dell’altezza di un metro circa, con un gran numero di foglie mature e pronte per l’estirpazione. Lo stupefacente è stato estirpato e verrà inviato ai Laboratori di Sanità Pubblica per l’analisi e la successiva distruzione. In un’altra abitazione nel doppiofondo di un divano sono state rinvenute due carabine ad aria compresse modificate per elevarne il potenziale con il relativo munizionamento, nonché una pistola scacciacani in replica delle più comuni armi da sparo priva del previsto tappo rosso, che alla vista può confondersi con un’arma reale. Tutte le armi sono state poste sotto sequestro e saranno inviate ai laboratori balistici per le analisi di rito.