“Angeli al crepuscolo”, libro fotografico di Ettore Garozzo

[embed_video id=90557]Una vitalità quasi nascosta, quella del quartiere Angeli, che però traspare da ogni pietra, da ogni stradina, da ogni dettaglio che è lì per chi vuole vederlo. Un quartiere con mille anni di storia alle spalle, trascurato da tutti. Se è vero che un’immagine racconta molto più e molto meglio delle parole, “Angeli al crepuscolo”, edito da Michele Paruzzo, con le sue 51 splendide foto, ne è un raro esempio. Foto che sono delle opere d’arte e come tali, vive e parlanti. Parlano di un quartiere dalla connotazione irripetibile, che emana storia, calore e semplicità. Un quartiere che, sulle prime, camminando per le sue stradine, può apparire disabitato ma se sai osservare, ne cogli tutti i segni di una vitalità – come dicevamo – quasi nascosta forse perché i suoi abitanti, nella loro semplicità, ne sono gelosi. Foto scattate nel novembre scorso al crepuscolo, appunto, complice e compagno di questa avventura. “…tramontato il sole di novembre-
scrive Ettore Garozzo nella sua presentazione – le gialle luci soffuse la fanno da padrone, spandendosi e diffondendo intorno un fascino particolare. Le luci e le ombre trasformano il quartiere in un luogo quasi surreale rendendolo triste, romantico e malinconico e trasfigurando così ciò che alla piena luce del giorno appare solamente abbandonato e triste.”