Agrigento. Dal Mandorlafest un "dolce pensiero" per la Cattedrale

Agrigento. Dal Mandorlafest un "dolce pensiero" per la Cattedrale

    Arriverà dal MandorlaFest un “dolce pensiero” per la Cattedrale di San Gerlando. Gli allievi pasticcieri del Centro Studi Creapolis sono al lavoro da giorni per costruire una gustosissima copia perfetta dello storico edificio di straordinario pregio architettonico, risalente al 1600, e dedicato al Santo Patrono, vescovo di Agrigento. Nel pomeriggio di sabato 22 febbraio la torta Cattedrale sarà esposta al pubblico e proposta per la degustazione.  “Abbiamo voluto esprimere un pensiero alla nostra Cattedrale – spiega l’amministratore del Distretto Turistico regionale Valle dei Templi, Gaetano Pendolino – perché speriamo in un intervento per salvare questo splendido monumento, contenente preziosi tesori, che oltre ad essere il più importante edificio di culto della nostra Arcidiocesi, è anche un simbolo per gli agrigentini e, nella sua imponenza, punto di arrivo degli Itinerari di Arte e Fede del nostro Centro Storico”. La cattedrale, chiusa ormai dal 2010, a causa di un progressivo dissesto di natura idrogeologica, per il quale anche il Distretto, unendosi alla Curia arcivescovile, intende rilanciare il grido di allarme a chi di competenza perché si scongiuri il peggio. Il “dolce pensiero” sarà comunque un momento di grande auspicio e di speranza, che sarà condiviso dai presenti, attraverso l’ammirazione per le sue forme assolutamente fedeli all’originale e la successiva degustazione.  A realizzarla sono stati i giovanissimi allievi, tra i 18 e i 32 anni, dei corsi di pasticceria del Centro Studi Creapolis, coordinati dal Maestro Lillo Chianetta, pasticciere professionista, che da alcuni anni ha deciso di dedicarsi ai ragazzi per trasmettere loro la sua esperienza, in modo che la tradizione non vada perduta ed anzi sia rinnovata con rigore, entusiasmo e voglia di innovarsi.  La torta Cattedrale è stata realizzata a tre dimensioni e pesa cinquanta chili; ha un’altezza di 95 centimetri, una lunghezza di 197 centimetri e una larghezza di 77 centimetri. La lavorazione della torta ha richiesto ai 15 allievi 690 ore di uomo-lavoro ed ogni allievo ha dedicato 2760 minuti  Sono stati utilizzati, tra gli ingredienti, 12.800 pistacchi, per un totale di 4 chili e mezzo, 13.740 mandorle per un totale di 14 chili e mezzo, 700 cucchiai di zucchero pari a 28 chilogrammi, tre chili di cioccolato fondente. Potranno essere servite circa 900 porzioni di circa 50 grammi ciascuna.    Questi gli allievi pasticcieri che con abilità, concentrazione e pazienza diretti dal Maestro Pasticcere Lillo Chianetta hanno dato forma alla cattedrale: Francesca Bugea, Luigi Chiodo, Lorella Corso, Silvia Favara, Vito Fodale, Maria Fratacci, Giovanna Ganci, Roberta Guggino, Mirko La Mendola, Ylenia Modica Amore, Manuel Terrasi, Giusi Torchiani, Alessandro Tordi, Maria Antonietta Fiore, Mirko Antonino Cannella. I corsi sono seguiti dunque da 9 donne e sei uomini e gli allievi hanno iniziato le attività di studio in gennaio e attualmente dovranno completare 639 ore di corso, di cui 243 saranno dedicate allo stage presso le migliori aziende del settore, presenti nel territorio e convenzionate col Centro Studi Creapolis.

Leave a comment

Rispondi