1600 tunisini sbarcati a Lampedusa. Allarme terrorismo dopo gli attentati di Vienna e Nizza

1600 tunisini sbarcati a Lampedusa. Allarme terrorismo dopo gli attentati di Vienna e Nizza

Questa mattina Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza riunito al Viminale dalla ministra dell’Interno Luciana Lamorgese dopo gli attentati di Nizza e Vienna. Un piano operativo di controllo da concordare tra il governo italiano e quello tunisino, per l’intensificazione della collaborazione in mare finalizzata al contrasto delle organizzazioni di trafficanti di esseri umani e dell’immigrazione irregolare. Da Lampedusa, come è noto, è arrivato in Italia un mese e mezzo fa il tunisino che ha ucciso tre persone nella chiesa di Notre Dame a Nizza. 1600 sbarchi di migranti a Lampedusa nelle ultime 48 ore.  I barconi continuano ad arrivare e si è giunti a 13 sbarchi a partire da stanotte.L’hotspot di Lampedusa con 1.263 ospiti è al collasso. La macchina dei trasferimenti è già al lavoro e davanti l’isola c’è la nave quarantena “Allegra” dove la Prefettura di Agrigento conta, nelle prossime ore, di trasferire 500 persone, tanti quanti sono i posti disponibili sulla nave che è vuota. Serve però del tempo perché occorre pre-identificare, foto segnalare e sottoporre a tampone rapido anti-Covid tutti i migranti che dovranno imbarcarsi. Solo dopo aver acquisito l’esito del test si può procedere alla pianificazione degli imbarchi o comunque degli spostamenti dei migranti. Fra ieri e l’altro ieri, hanno lasciato l’hotspot di contrada Imbriacola 260 migranti che sono stati trasferiti sulla nave quarantena Suprema. Fra di loro anche una persona positiva al Covid-19.