Mafia, turbativa d’asta e corruzione, scoperto il ‘Comitato d’Affari’ di san cataldo, ai domiciliari l’ingegnere Paolo Iannello -Video

Mafia, turbativa d’asta e corruzione, scoperto il ‘Comitato d’Affari’ di san cataldo, ai domiciliari  l’ingegnere Paolo  Iannello<span class='video_title_tag'> -Video</span>

Associazione per delinquere di stampo mafioso, estorsione, turbativa d’asta, corruzione e altri reati contro la Pubblica Amministrazione. Sono le accuse mosse dalla Procura di Caltanissetta a 16 persone fra cui funzionari pubblici, imprenditori e presunti mafiosi.

Francesco, avevano raggiunto accordi corruttivi con Liborio Lipari, amministratore della società “Ecolgest” finalizzati a turbare la regolarità amministrativa della gara ad evidenza pubblica onde consentirne l’aggiudicazione (effettivamente avvenuta) alla ditta “Multiecoplast” di Messina, capofila di A.T.I. con la citata società “Ecolgest” partecipanti alla citata gara.

Una turbastiva d’asta sulla quale gli inquirenti registravano convergenze investigative con una ulteriore indagine della Guardia di Finanza nissena, scaturente dall’operazione “Perla nera bis” – che nel mese di ottobre 2017 aveva già portato all’arresto del dipendente pubblico Daniele Silvio Baglio e dell’imprenditore Salvatore Ficarra giungendo così a ricostruire l’esistenza a San Cataldo di un “comitato d’affari” composto da funzionari comunali e imprenditori locali, in alcuni casi contigui alla famiglia mafiosa, in grado di condizionare pesantemente le più rilevanti gare d’appalto espletate in quel comune.

Sotto la direzione della Direzione Distrettuale Antimafia, dunque, venivano congiunte due indagini, una dei Carabinieri e l’altra della Guardia di Finanza.

Le manette con l’accusa di associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa ed estorsioni aggravate sonos cattate per  Gioacchino Chitè; Calogero Maurizio Di Vita; Raimondo, Alessandro  e Massimo Scalzo, soggetto organicamente inserito nella famiglia mafiosa di San Cataldo; Luigi Vivacqua, Cristian Ivan Callari tutti ritenuti organici alla famiglia mafiosa di San Cataldo.

Arresti domiciliari con l’accusa di estorsione aggravata per Salvatore Raimondi detto “Maratina”, sempe domiciliari ma per corruzione e turbata libertà degli incanti nei confronti di Liborio Lipari, imprenditore, rappresentante legale della “Ecolgest soc.coop. a r.l.”; Paolo Iannello, ex dirigente dell’ufficio tecnico del Comune di San Cataldo;
infine obbligo di firma per corruzione nei confronti di Cataldo Medico, dipendente del Comune di San Cataldo;
Davide Francesco iannello, ingegnere libero professionista, figlio di Paolo; Salvatore Schifano, dipendente del Comune di San Cataldo; Alfonso Gaetano Ippolito, architetto libero professionista, destinatario di incarichi da
parte del comune di San Cataldo.

Durante l’operazione sono state anche eseguite  perquisizioni domiciliari e acquisita documentazione presso pubblici uffici, delegate dalla Direzione Distrettuale Antimafia.

www.blogsicilia.it

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Tagged with
Friends link: Windows-7-Ultimate-key Windows-7-Ultimate-key-sale Windows-7-Ultimate-key-online-sale buy-Windows-7-Ultimate-key windows-7-professional-key purchase-windows-7-professional-key windows-7-professional-key-sale windows-7-professional-key-cheap windows-7-professional-key-shop-online buy-windows-7-professional-key